Xiaomi Black Shark ufficiale: ecco lo smartphone da gaming della casa cinese

E' ufficiale Xiaomi Black Shark, il nuovo smartphone da gaming della società cinese, scopriamone le caratteristiche tecniche

speciale Xiaomi Black Shark ufficiale: ecco lo smartphone da gaming della casa cinese
Articolo a cura di
Andrea Zanettin Andrea Zanettin segue da sempre con passione tutto ciò che riguarda la tecnologia: qualsiasi cosa abbia un chip stuzzica la sua curiosità. Sviluppa anche applicazioni per vari sistemi operativi (sia su ambiente desktop che mobile). Potete seguirlo su Instagram, Facebook e Google+.

Da qualche mese a questa parte, sembra che il mondo del mobile gaming si stia evolvendo. Pensiamo al recente arrivo su smartphone di titoli del calibro di PUBG Mobile, Fortnite e Final Fantasy XV Pocket Edition. Tuttavia, non sono mancate anche le novità dal lato hardware, con l'approdo sul mercato di quello che potremmo definire come l'apripista degli smartphone da gaming: Razer Phone. Ebbene, dopo i numerosi rumor apparsi recentemente online, il suddetto dispositivo ha un nuovo concorrente: Xiaomi Black Shark, che è stato finalmente annunciato ufficialmente. Le specifiche tecniche sono ovviamente da top di gamma, mentre il design è molto aggressivo.

Caratteristiche tecniche, prezzo e uscita

Le caratteristiche tecniche del nuovo smartphone sono di tutto rispetto. Troviamo un display In-Cell da 5.99 pollici con risoluzione FHD+ (2160x1080 pixel, 403 PPI) e aspect ratio 18:9 e una prestante CPU Qualcomm Snapdragon 845 operante alla frequenza massima di 2,8 GHZ. Quest'ultima è affiancata da una GPU Adreno 630, 6/8GB di RAM e 64/128GB di memoria interna. Non manca anche una batteria da 4000 mAh con supporto al Quick Charge 3.0, che dovrebbe garantire una buona autonomia anche con un uso intenso. Per quanto riguarda il comparto fotografico, lo smartphone presenta una dual cam posteriore da 12+20MP (f/1.75) con PDAF e doppio flash LED. La fotocamera anteriore è da 20 MP (f/2.0). Presenti anche tutte le connettività richieste dal mercato odierno degli smartphone, dal 4G LTE al Wi-Fi dual band passando per il Bluetooth 5.0 e per la porta USB Type-C. Il sistema operativo è Android 8.0 Oreo, con una nuova interfaccia denominata Joy UI che potrà essere collegata con il proprio account MIUI. Non mancano il supporto al Face Unlock e un microfono ottimizzato per il gaming. Presente anche una modalità Shark Mode, attivabile attraverso un apposito tasto e in grado di migliorare le prestazioni in fase di gioco. Non manca un sistema di raffreddamento custom, in modo simile a quanto abbiamo già visto con Razer Phone. Le dimensioni del Black Shark sono di 161.1 x 75.4 x 9.25 mm, per un peso di 190 grammi. Insomma, una configurazione da top di gamma, pensata per offrire ai giocatori tutto ciò di cui hanno bisogno.

Il design è molto aggressivo e fa trasparire tutta la natura gaming del prodotto. La back cover presenta infatti linee taglienti e i classici colori nero e verde, con la scritta "Black Shark" in basso e il logo "S" posto in bella vista al centro. Discorso diverso, invece, per la parte anteriore dello smartphone, sobria e in grado di farlo sembrare a prima vista un comune dispositivo. Qui troviamo, nella parte inferiore, il pulsante Home che funge anche da sensore di impronte digitali, mentre nella parte superiore troviamo la fotocamera frontale e gli altoparlanti. Interessante anche il controller presentato, che va ad "agganciarsi" sul lato sinistro del Black Shark e ci offre una levetta analogica e un comodo pulsante.

Il tutto è pensato per consentire ai giocatori di muovere il personaggio con la mano sinistra e di utilizzare il touch con l'altra mano. Non sappiamo dirvi se sia scomodo o meno, ma di certo l'assenza della levetta analogica destra e dei pulsanti fisici si farà sentire in alcuni titoli. Xiaomi Black Shark viene venduto in Cina al prezzo di 2999 yuan (circa 390 euro) per il modello da 6GB di RAM e a 3499 yuan (circa 450 euro) per la variante da 8GB di RAM. Il joystick da agganciare sul lato sinistro, invece, costa 179 yuan, poco meno di 25 euro al cambio attuale. Insomma, prezzi che, se confermati per il mercato nostrano, potrebbero fare gola a molti. Le vendite sul suolo cinese partiranno dal prossimo 20 aprile. Non abbiamo ulteriori informazioni, invece, per quanto riguarda la sua disponibilità in Europa.