Xiaomi Mi 10 è imminente: i dettagli sullo smartphone che sfida Galaxy S20

Xiaomi sembra voglia annunciare la sua gamma Mi 10 lo stesso giorno della presentazione di Samsung Galaxy S20.

speciale Xiaomi Mi 10 è imminente: i dettagli sullo smartphone che sfida Galaxy S20
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Xiaomi non è certo un'azienda che ha paura di lanciare i suoi smartphone in periodi particolari. Di casi lampanti ce ne sono stati molti durante la storia della società cinese, vi basti sapere che a Natale 2019 è stato annunciato un dispositivo in Italia. Tuttavia, questo sembra essere nulla in confronto a quello che Xiaomi potrebbe fare l'11 febbraio 2020, giorno in cui potrebbe rivelare la sua gamma di smartphone Mi 10 in concomitanza con l'evento di presentazione di Samsung Galaxy S20.
Stiamo parlando di indiscrezioni, ma la situazione potrebbe farsi particolarmente intrigante per gli appassionati di dispositivi mobili. Nel frattempo, online sono trapelati parecchi dettagli in merito a Xiaomi Mi 10. Andiamo, dunque, a fare il punto della situazione in merito alla proposta della società cinese.

La presunta scheda tecnica di Xiaomi Mi 10

Il leak più rilevante legato alla gamma di smartphone Xiaomi Mi 10 arriva dal solito social network cinese Weibo, dove sono comparse alcune presunte foto reali della variante Pro 5G del dispositivo, ovvero quelle che potete vedere in questo articolo. Da queste ultime sembra emergere uno smartphone montante un display con bordi curvi e foro per la fotocamera posto in alto a sinistra, mentre sul retro si notano quattro sensori fotografici e il flash LED. Assente il jack da 3,5 mm per le cuffie, a favore della classica porta USB Type-C, che si trova nella parte inferiore del dispositivo.
A fianco di quest'ultima troviamo gli altoparlanti, il primo microfono e il carrellino per la SIM. Nella parte superiore di Xiaomi Mi 10 sembrano esserci altri altoparlanti, il secondo microfono e la porta infrarossi. Il bilanciere del volume e il pulsante d'accensione sono sulla destra. È stata condivisa anche una foto relativa al caricabatterie, che sembra essere da ben 65W. Oltre a questo, probabilmente ci sarà una certa attenzione anche al comparto audio, visto che nella confezione di vendita si nota il bollino Hi-Res Audio, posto in alto a sinistra.

Per quanto riguarda le specifiche tecniche di Xiaomi Mi 10 Pro 5G, dovremmo trovare uno schermo OLED da 6,57 pollici con refresh rate di 90/120 Hz e un processore octa-core Qualcomm Snapdragon 865 operante alla frequenza massima di 2,84 GHz, affiancato da 12GB di RAM LPDDR4X e 128/256/512GB di memoria interna UFS 2.1. Insomma, stiamo parlando di una configurazione da top di gamma, che cerca quindi di andare a prendersi la fascia alta del mercato.

Si vocifera poi della presenza di una quadrupla fotocamera posteriore da 108MP + 48MP + 12MP + 8MP, di una fotocamera anteriore da 32MP e di una batteria da 4500 mAh con supporto alla ricarica rapida da 65W (wireless da 40W, inversa da 10W). Per il resto, come si evince dal nome, con ogni probabilità non mancherà il supporto al 5G.

Oltre alla variante Pro, dovrebbe arrivare anche un modello base dello smartphone. Stando a diverse fonti internazionali, quest'ultimo potrebbe diversificarsi soprattutto nel comparto fotografico, nella quantità di memoria e nella velocità di ricarica. In particolare, Xiaomi Mi 10 monterebbe una quadrupla fotocamera posteriore da 108MP + 20MP + 12MP + 5MP, partirebbe da 8GB di RAM e supporterebbe la ricarica rapida fino a 48W.
Alcune fonti parlano anche di una batteria da 4800 mAh, ma al momento le informazioni sono discordanti e non è chiaro il motivo per cui l'azienda cinese dovrebbe decidere di implementare una batteria più ampia nella variante meno costosa.

La vera "killer feature" della gamma Xiaomi Mi 10 potrebbe però essere costituita dal prezzo. Infatti, si vocifera di un costo compreso tra i 3500 yuan (circa 456 euro al cambio attuale) e i 5000 yuan (circa 652 euro). Insomma, stiamo parlando di prezzi decisamente più bassi rispetto a quelli della gamma Galaxy S20 e quindi l'azienda cinese potrebbe giocare questa carta per attirare le attenzioni su di sé il prossimo 11 febbraio.