Xiaomi Mi A3 in arrivo: tutti i dettagli sui nuovi smartphone economici

Sembra proprio che Xiaomi Mi A3 e la sua variante Lite siano in arrivo anche sul mercato europeo: facciamo il punto della situazione.

Xiaomi Mi A3 in arrivo: tutti i dettagli sui nuovi smartphone economici
Articolo a cura di

La serie Xiaomi Mi A3 è sicuramente una delle più attese dagli appassionati di smartphone, che hanno già potuto apprezzare la bontà delle prime due generazioni di dispositivi economici della società cinese. Per chi non lo sapesse, questa gamma di prodotti si rivolge all'utenza entry-level, ovvero coloro che vogliono semplicemente effettuare le operazioni quotidiane e avere uno smartphone aggiornato a livello software senza spendere troppo. Andiamo, dunque, a vedere insieme cosa sta preparando la società cinese e quali sono le ultime indiscrezioni in merito a Xiaomi Mi A3.

Snapdragon 710 o Snapdragon 665? Questo è il dilemma

Diciamolo subito: i rumor e i leak in merito a Xiaomi Mi A3 sono alquanto confusi. Le fonti internazionali descrivono infatti caratteristiche tecniche diverse e la società cinese non si è ovviamente ancora pronunciata in merito. L'unica cosa certa è che uno smartphone Xiaomi (modello M1906F9SH) è stato recentemente certificato dalla FCC (Federal Communications Commission), che ha anche rilasciato alcuni "render parziali". Da questi ultimi, apprendiamo che la fotocamera posteriore del dispositivo, probabilmente una tripla fotocamera, avrà un sensore principale da 48MP e che lo smartphone in questione aderirà al programma Android One di Google.

Vi ricordiamo che quest'ultimo garantisce due anni di aggiornamenti alle major release del robottino verde e tre anni di update per quanto riguarda le patch di sicurezza. Nei "render" si nota poi l'assenza del classico sensore per le impronte digitali, cosa che ha fatto pensare a molti che questo smartphone sia proprio Mi A3. Inoltre, il numero di modello differisce di una sola lettera da quello di Xiaomi Mi CC9e (M1906F9SC), dispositivo già annunciato in Cina.

Quindi, probabilmente, Xiaomi Mi A3 è la versione internazionale di Mi CC9e. Questa possibilità ha lasciato un po' interdetta l'utenza, visto che Mi CC9e è uno smartphone che è stato ampiamente criticato in Cina per via dell'assenza dell'NFC e della presenza di uno schermo AMOLED con una risoluzione solamente HD+. In realtà, a nostro modo di vedere, le caratteristiche tecniche sarebbero comunque interessanti, visto che finalmente verrebbe effettuato il passo che va dall'IPS LCD all'AMOLED, con le restanti specifiche che migliorano di molto rispetto a quanto visto con la precedente generazione. Xiaomi Mi CC9e monta infatti un processore Qualcomm Snapdragon 665, una GPU Adreno 610, 4/6GB di RAM LPDDR4X, 64/128GB di memoria interna UFS 2.1 (espandibile tramite microSD fino a 256GB), una tripla fotocamera posteriore da 48MP (Sony IMX586, f/1.79) + 8MP (grandangolare, f/2.2) + 2MP (profondità di campo, f/2.4), una fotocamera anteriore da 32MP (f/2.0) e una batteria da 4030 mAh con supporto alla ricarica Quick Charge 4.0 a 18W.

Il sistema operativo è Android 9 Pie e non mancano le varie connettività del caso, dal 4G LTE al Wi-Fi 802.11ac dual-band passando per il Bluetooth 5.0 e per la porta USB Type-C. Insomma, i passi avanti ci sono, soprattutto in termini di batteria (precedentemente era da 3010 mAh) e di comparto fotografico (Mi A2 aveva una dual camera). Inoltre, Xiaomi CC9e viene venduto in Cina a un prezzo di partenza che equivale a circa 165 euro, quindi il rapporto qualità/prezzo potrebbe essere interessante, soprattutto alla luce della possibile presenza di Android One anche sul nostro mercato.

Nonostante questo, delle recenti indiscrezioni hanno delineato un quadro ancora più interessante. Stando a quanto riportato da MySmartPrice, Xiaomi potrebbe infatti aver deciso di "potenziare" questi smartphone in vista dell'arrivo sul mercato internazionale.
Xiaomi Mi A3 monterebbe dunque un processore Qualcomm Snapdragon 710, mentre Mi A3 Lite disporrebbe di un SoC Snapdragon 675. Inoltre la variante base dovrebbe disporre di uno schermo da 6,39 pollici, mentre quella Lite dovrebbe avere un pannello da 6,01 pollici con risoluzione Full HD+. Insomma, la società cinese potrebbe aver deciso di portare in Europa dei "modelli potenziati", in modo da non andare incontro alle lamentele che si sono verificate in madrepatria. Staremo a vedere: le ultime indiscrezioni parlano di un lancio previsto già per la prossima settimana.