Xiaomi Pocophone F1 ufficiale: un top di gamma con Snapdragon 845 a 260 euro

Xiaomi Pocophone F1 mostra specifiche incredibili per la fascia di prezzo in cui è proposto, con una configurazione da vero top di gamma.

speciale Xiaomi Pocophone F1 ufficiale: un top di gamma con Snapdragon 845 a 260 euro
Articolo a cura di

Dopo i massicci leak e rumor delle scorse settimane, Xiaomi Pocophone F1 è stato finalmente annunciato in via ufficiale. L'interesse attorno alla presentazione del nuovo flagship della società cinese era particolarmente alto, vista anche la recente lettera inviataci da Jai Mani, Head of Product di Xiaomi, nella quale si parlava della filosofia della nuova gamma di prodotti Pocophone, che veniva descritta come "la risposta agli smartphone da 1000 dollari". Ebbene, la società cinese ha, a nostro modo di vedere, rispettato le promesse.

Caratteristiche tecniche, prezzo e uscita

Uno smartphone con caratteristiche da top di gamma che non costi 1000 dollari. Questo è il sogno di ogni appassionato del settore, che potrebbe finalmente avverarsi. Infatti, leggendo le specifiche che vi riporteremo di seguito, siamo rimasti molto colpiti e ancora ora fatichiamo a credere che tutto questo possa essere offerto a un prezzo di partenza di circa 260 euro. Xiaomi Pocophone F1 monta un display IPS LCD da 6,18 pollici con risoluzione Full HD+, notch e aspect ratio 18,7:9, che dovrebbe garantire buoni angoli di visione. Il piatto forte, però, è sicuramente sotto la scocca, dove troviamo un processore octa-core Qualcomm Snapdragon 845, una GPU Adreno 630, 6/8GB di RAM e 64/128/256GB di memoria interna. Una configurazione da vero top di gamma, che garantirà sicuramente ottime prestazioni sia in ambito quotidiano che nel gaming. Per gli amanti dei benchmark, sono già stati rilasciati i risultati Antutu, dove Xiaomi Pocophone F1 ha fatto registrare un punteggio di 291302. Oltre a questo, i colleghi di Android Authority hanno già avuto modo di effettuare un primo hands-on, dove confermano le ottime performance annunciate dalla società cinese.

Troviamo poi una dual camera posteriore da 12MP + 5MP che dispone di Flash LED, stabilizzazione elettronica e le solite funzioni ad essa legate, come quella per migliorare l'effetto bokeh. La fotocamera anteriore invece è contenuta all'interno del notch e dispone di un sensore da 20MP, senza flash. La batteria è da 4000 mAh con Quick Charge 3.0. Non mancano tutte le connettività del caso, dal 4G LTE al Wi-Fi a/c dual-band passando per il Bluetooth 5.0, per il Dual SIM e per la porta USB Type-C.
Presenti anche il sensore di impronte digitali, posto sotto la dual cam con sviluppo verticale sul retro, la possibilità di "nascondere" il notch e lo sblocco facciale. Il sistema operativo è Android 8.1 Oreo con personalizzazione MIUI 10, che, stando alle promesse, sarà prontamente aggiornato ad Android 9.0 Pie. Le colorazioni disponibili sono rosso, blu e nero, con quella Kevlar acquistabile solamente in variante Armoured Edition 8/256GB.

Arriviamo ora a uno dei punti più interessanti, ovvero i prezzi. Ebbene, come accennato in precedenza, la variante base da 6/64GB costa 20999 rupie (circa 260 euro al cambio attuale), quella 6/128GB è venduta a 23999 rupie (circa 300 euro) e la 8/256GB richiede un esborso di 28999 rupie (circa 360 euro). Interessante anche la versione Armoured Edition 8/256GB con back cover in Kevlar, che costa 29999 rupie (circa 370 euro). Il lancio in India è previsto per il prossimo 29 agosto, mentre quello globale avverrà il 27 agosto.
Certo, i prezzi potrebbero avere variazioni per quanto riguarda il mercato nostrano, ma crediamo che non si discosteranno di molto. Se Poco riuscirà a portare in Italia questo terminale a un prezzo competitivo, siamo certi che molti appassionati potrebbero farci un pensierino, mettendo anche da parte il nome del brand, che convince "Poco" in Italia.