380 balene sono morte in Tasmania, il peggior spiaggiamento di massa dell'Australia

380 balene sono morte in Tasmania, il peggior spiaggiamento di massa dell'Australia
di

Quasi un intero branco di 460 globicefali (chiamati anche delfini pilota o balene pilota) è morto nel porto di Macquarie, sulla costa occidentale della Tasmania. Si tratta di un spiaggiamento di massa, in cui almeno 380 di queste creature hanno perso la loro vita.

"Ce ne sono circa 30 ancora in vita e ne abbiamo salvati 50", afferma Nic Deka, responsabile del servizio di parchi e fauna della Tasmania. La prima creatura è stata trovata lunedì e gli spiaggiamenti sono raddoppiati giorno dopo giorno... fino ad arrivare al più grande arenamento di massa mai registrato in Tasmania.

I soccorritori, una squadra di 60 ambientalisti, volontari qualificati e lavoratori di allevamenti ittici locali, ha trascorso due giorni nelle fredde secche per liberare le creature ancora vive, utilizzando barche dotate di speciali imbracature per riportarle poi in mare aperto. I globicefali sono stati trovati bloccati fino a quasi 10 chilometri di distanza e ora i funzionari hanno ampliato la loro area di ricerca per controllare ancora più lontano.

Purtroppo, alcune delle balene salvate si sono re-arenate durante la notte, in linea con le previsioni degli esperti sul comportamento di queste creature. "La buona notizia è che la maggior parte delle balene salvate sono ancora in acque profonde e nuotano", continua Deka ai giornalisti. "Non si sono arenati. Quindi abbiamo avuto successo".

Le cause degli spiaggiamenti di massa rimangono sconosciute, anche agli scienziati che studiano il fenomeno da decenni. Tuttavia, almeno secondo il biologo marino del dipartimento dell'ambiente della Tasmania, Kris Carlyon, si tratta di un "evento naturale". Gli spiaggiamenti, infatti, si verificano regolarmente nel corso della storia dell'Australia.

FONTE: cbsnews
Quanto è interessante?
5
380 balene sono morte in Tasmania, il peggior spiaggiamento di massa dell'Australia