5G, Svezia ufficializza il ban e la rimozione di antenne Huawei e ZTE dal paese

5G, Svezia ufficializza il ban e la rimozione di antenne Huawei e ZTE dal paese
INFORMAZIONI SCHEDA
di

L’esclusione di Huawei dalla corsa al 5G sta diventando sempre più una priorità per molti paesi, soprattutto in Europa: nonostante in Francia Emmanuel Macron abbia concesso al gigante di Shenzhen di concorrere allo sviluppo della rete, in Svezia la Post and Telecom Authority (PTS) ha annunciato il divieto di Huawei e anche di ZTE.

Secondo quanto comunicato dall’autorità svedese, il divieto diventerà ufficiale prima dell’asta per aggiudicarsi le frequenze 5G prevista per il mese prossimo; le condizioni di autorizzazione sarebbero state formulate dopo la valutazione da parte delle forze armate svedesi e dell’agenzia di sicurezza nazionale. Inoltre, la PTS ha affermato che tutte le società che parteciperanno all’asta dovranno rimuovere le apparecchiature Huawei e ZTE da loro già installate entro il 1° gennaio 2025, specialmente quelle usate per costruzione e manutenzione di reti centrali e wireless.

Le due aziende cinesi non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento, anche perché attualmente non mancano anche dibattiti nell’altra parte del mondo: in Corea del Sud, infatti, Mike Pompeo avrebbe messo ulteriormente sotto pressione le autorità nazionali chiedendo l’abbandono delle apparecchiature 5G cinesi.

Nonostante ciò, il Segretario di Stato USA avrebbe ricevuto come risposta un chiaro rifiuto, soprattutto perché operatori come LG Uplus ancora adottano tali infrastrutture e non avrebbero intenzione di liberarsene; inoltre, per le autorità sudcoreane si tratterebbe in ogni caso di una decisione esclusivamente aziendale.

Intanto, stando a una nuova analisi condotta dal centro di ricerca Omdia sempre più paesi stanno adottando il 5G, specialmente appunto Corea del Sud e, nel Vecchio Continente, Svizzera.

FONTE: Gizchina
Quanto è interessante?
3