Acquamazione, vediamo cos'è il nuovo tipo di "cremazione ecologica" tanto discusso

Acquamazione, vediamo cos'è il nuovo tipo di 'cremazione ecologica' tanto discusso
di

Desmond Tutu è stato uno dei più grandi attivisti vissuti recentemente ed è purtroppo venuto a mancare il 26 Dicembre 2021. Il teologo sudafricano, vincitore del premio Nobel per la pace, ha dedicato la sua vita per combattere contro la discriminazione razziale e per il suo funerale ha scelto l'acquamazione, alternativa ecologica alla cremazione.

Quest'ultima consiste in una tecnica che utilizza dei liquidi invece del fuoco per smaltire un corpo, utilizzando l'idrolisi alcalina. Il corpo viene posto all'interno di un recipiente pressurizzato riempito con una miscela di acqua e idrossido di potassio. Successivamente viene riscaldato a circa 90 - 150 °C.

A causa del contenitore pressurizzato, la soluzione non bolle e inizia ad abbattere la materia organica per diverse ore. Perché l'acquamazione è considerata un'alternativa ecologica alla cremazione? Semplicemente perché le pratiche di sepoltura tradizionali comportano costose bare di legno e prodotti chimici per l'imbalsamazione.

Non solo: negli Stati Uniti circa 404.685 ettari di terra vengono dedicati alla sepoltura umana e solo le bare richiedono 1,6 milioni di ettari di foresta ogni anno (a proposito, la foresta pluviale amazzonica ha raggiunto il più alto livello di deforestazione in 15 anni recentemente). La cremazione tradizionale riduce questo degrado dell'habitat, ma per farlo è richiesto un'immensa energia per alimentare il fuoco e pompa milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno.

L'acquamazione richiede circa un settimo dell'energia utilizzata dalla cremazione e non produce nessuna emissione. Il liquido che rimane è una miscela sterile di composti organici, come sali e amminoacidi, che possono essere utilizzati come fertilizzanti e rilasciati perfino nei corsi d'acqua.

Sapete a quando risale la più antica cremazione umana? Sono state trovate delle prove nel Vicino Oriente.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
3