Addio a Carlo Vichi, fondatore di Mivar: ci lascia a 98 anni dopo la sfida a Samsung

Addio a Carlo Vichi, fondatore di Mivar: ci lascia a 98 anni dopo la sfida a Samsung
di

Ci lascia a 98 anni Carlo Vichi, storico imprenditore che diede vita a uno dei marchi chiave dell'industria elettronica italiana, Mivar. Una delle ultime figure a sostenere con forza il made in Italy, nonostante l'impetuoso arrivo sul mercato della Cina e delle nuove tecnologie.

Sempre fortemente convinto che l'elettronica di consumo in Italia fosse ancora possibile, solo qualche anno fa Carlo Vichi offriva gli stabilimenti Mivar a Samsung. Conscio che ormai la produzione vera e propria non fosse sostenibile, l'imprenditore milanese sosteneva che sfruttando gli stabilimenti della sua azienda per l'assemblaggio con componentistica d'importazione sarebbe stato possibile rilocalizzare nel Belpaese questo genere d'industria.

Manifesto di quei successi che portarono l'azienda a essere il primo produttore italiano negli anni '90 con numeri da capogiro, lo stabilimento di Abbiategrasso non è mai entrato veramente in funzione. Gli ultimi anni dell'azienda, infatti, hanno visto operative solo le linee relative alla manutenzione.

L'esternalizzazione della produzione delle componenti elettroniche verso regioni con costi decisamente più bassi è stato solo uno dei colpi subiti da tantissime aziende come Mivar. Probabilmente, complice del declino di alcuni marchi storici è stato pure l'avvento delle tecnologie basate su pannelli LCD, oltre alla crescente difficoltà di rimanere competitivi in un segmento in cui l'azienda milanese aveva fatto dell'accessibilità economica uno dei suoi tratti distintivi.

Di Vichi ci rimane la ricchezza di una figura straordinaria, riuscita a resistere finché ha potuto alla concorrenza asiatica, e l'iconico telecomando grigio con sottili tacche orizzontali.

Quanto è interessante?
3