Addio al Modello Standard della fisica? "Colpa" del CERN

Addio al Modello Standard della fisica? 'Colpa' del CERN
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Col passare del tempo, gli scienziati hanno studiato sempre più accuratamente la materia. All'inizio c'erano gli atomi, ritenuti inscindibili, poi sono arrivati i protoni, neutroni ed elettroni, ma le ricerche sono continuate fino a scoprire nuove particelle che hanno decretato l'inizio di una nuova era della fisica.

Fu l'inizio del Modello Standard, ampliato e affinato nel corso dell'ultimo secolo con scoperte e ricerche. Fino a pochi anni fa, il Modello Standard riusciva a rispondere a quasi tutte le domande sul mondo fisico e a prevedere effetti e proprietà delle varie particelle. Alcune ricerche recenti però hanno scardinato alcuni dettami, mettendo in difficoltà quello che è stato un pilastro dei fisici. Ci sono state infatti alcune ricerche portate avanti al CERN e al Fermilab che hanno portato ad alcune novità.

La prima scoperta riguarda il cosiddetto quark beauty, presenti nei nuclei di protoni e neutroni. Questi "decadono" in elettroni molto più spesso che in muoni. Questo non dovrebbe accadere secondo il Modello Standard, facendo capire che ci sono nuove particelle o nuove forze non previste che potrebbero influenzare questo processo di decadimento.

Anche il muone ha subito però delle modifiche. Nel progetto Muon g-2, è stato scoperto che i muoni oscillano mentre il loro spin interagisce con i campi magnetici circostanti. Le teorie non riportavano lo stesso valore riscontrato, che differisce di una piccola deviazione, ma comunque significante. Anche qui potrebbero esserci altre forze in gioco che finora non sono state previste o scoperte.

Il terzo e ultimo esperimento ha portato a conoscere meglio la massa del Bosone W. Il portatore della forza nucleare debole e che governa il decadimento radioattivo è stato al centro di tantissime collisioni nel corso degli anni, che hanno permesso di studiare perfettamente la sua massa. Il valore ottenuto non è affine a quello previsto dal Modello Standard dato che è di diverse volte più massiccio.

Ovviamente c'è ancora molto da fare nel settore e queste ricerche potrebbero essere integrate con futuri esperimenti che aiuterebbero a spiegare queste deviazioni dalle cifre pensate in precedenza. Con l'LHC di nuovo in funzione, si aprono nuovi orizzonti per la fisica.

FONTE: Phys.org
Quanto è interessante?
3