Addio raccomandate per multe e documenti della PA: si passa al digitale

Addio raccomandate per multe e documenti della PA: si passa al digitale
di

Nel giorno in cui il POS diventa obbligatorio in Italia, è passata sotto traccia un’altra novità che già da qualche giorno (il 21 Giugno) è diventata operativa ed è stata stabilita dal decreto pubblicato in Gazzetta lo scorso 6 Giugno 2022.

Come spiegato nel comunicato pubblicato sul sito del Ministero della Pubblica Amministrazione, il decreto dell’8 Febbraio 2022 ha segnato un passo in avanti significativo verso l’attivazione e realizzazione della Piattaforma Notifiche della Pubblica Amministrazione, che sarà gestita da PagoPA e permetterà ai cittadini di gestire la notifica degli atti.

Gli utenti infatti avranno la possibilità, accedendo tramite SPID o CIE, di accedere a tutte le notifiche caricate dalle pubbliche amministrazioni. Queste ultime dal loro canto, invece, riceveranno una notifica con ora e data dell’accesso che attesterà la presa visione del documento. “La notificazione verrà effettuata in prima battuta presso il domicilio digitale eletto dal destinatario; in seconda battuta, presso il suo domicilio digitale speciale, qualora eletto; in ultima istanza, presso il “domicilio digitale generale” (ossia l’indirizzo inserito in uno degli elenchi delle Pec di professionisti, Pa o cittadini previsti dal Cad)” spiega il comunicato.

Nel caso in cui i domicili digitali siano saturi o non validi, si effettuerà un secondo tentativo che se fallito renderà disponibile al mittente nell’area riservata l’avviso di mancato recapito “e darà notizia al destinatario dell’avvenuta notificazione dell’atto con raccomandata e avviso di cortesia”.

Per chi non ha la PEC o recapiti digitali, invece, si procederà con una raccomandata con avviso di ricevimento.

Quanto è interessante?
8