Questo agglomerato di batteri potrebbe produrre nuovi stupefacenti farmaci

Questo agglomerato di batteri potrebbe produrre nuovi stupefacenti farmaci
di

La ricerca di nuove e, potenzialmente, potenti molecole terapeutiche in natura è uno studio vitale, stimolato da crisi sanitarie parallele: la resistenza antibatterica e il crescente carico globale di cancro. Recentemente, si è fatto largo anche uno studio circa il ringiovanimento delle cellule di circa 30 anni.

Ora, un gruppo di scienziati ha scoperto che un raro microbo del suolo produce alcuni raggruppamenti molecolari peculiari con attività simile a quella di un farmaco. Questo potrebbe essere un vantaggio per i programmi di progettazione e scoperta di nuovi medicinali.

"Il nostro approccio, basato sulla genomica, ci ha permesso di identificare un peptide insolito per i futuri sforzi di creazione di farmaci", afferma Joshua Blodgett, microbiologo della Washington University di St. Louis e autore senior del nuovo studio.

Il fulcro della loro ricerca era un gruppo di esili batteri che vivono nel suolo chiamati actinomiceti, e, fortunatamente per noi, sono produttori prolifici di composti medicinali.

"Le tecnologie [di sequenziamento del genoma] hanno rivelato un profondo tesoro di molecole simili a farmaci ancora sconosciute, nascoste nei genomi degli attinobatteri”, scrive la squadra nel loro articolo, guidato dal farmacologo Chunshun Lia dell'Università delle Hawaii.

Negli attinomiceti, gli scienziati hanno trovato gli elementi costitutivi di oltre il 50% degli antibiotici utilizzati oggi nelle cliniche e negli ospedali, incluso il primo agente attivo contro la tubercolosi, oltre a una serie di farmaci antitumorali e immunosoppressori.

Un rinnovato interesse nell'esplorazione degli attinomiceti è stato alimentato dalla minaccia per la salute globale della resistenza antimicrobica, che sta generando infezioni resistenti ai farmaci più velocemente di quanto possano essere prodotti nuovi medicinali. Le infezioni da "superbatteri" sono ora la terza causa di morte nel mondo, secondo un'analisi che ha fatto riflettere all'inizio di quest'anno.

Così, nella ricerca di nuovi medicinali candidati, Blodgett, Lia e colleghi hanno rivolto la loro attenzione e i loro strumenti di sequenziamento del genoma a un actinomicete particolarmente raro, che è stato trovato nei suoli in Cina, si chiama Lentzea flaviverrucosa.

Essendo più difficile da trovare in natura, rispetto ad altri actinomiceti, e più complesso da coltivare in laboratorio; in fondo, L. flaviverrucosa non è stato studiato tanto quanto i suoi parenti più comuni produttori di farmaci.

Quanto è interessante?
1