Alcuni ricercatori hanno creato un worm in grado di infettare i Mac in modo permanente

di

Alcuni ricercatori hanno scoperto che i Mac non sono così immuni agli attacchi hacker come ipotizzato in precedenza. Xeno Kovah, Trammel Hudson e Corey Kallenberg hanno infatti dimostrato a Wired che i Mac hanno le stesse vulnerabilità dei PC Windows.

L'exploit sarebbe molto preoccupante ed utilizzerebbe una normale mail di phishing per reindirizzare gli utenti ad un sito malevolo che potrebbe compromettere il computer. Si tratta del secondo exploit grave, dopo quello dello scorso anno trovato in alcune unità esterne ed accessori come l'adattore ethernet Thunderbolt. Questi exploit sono quasi impossibili da rilevare, poiché il software di sicurezza non analizza il firmware e reinstallare il sistema non elimina il problema.
La falla di sicurezza evidenzia che il firmware (ovvero il software che avvia il computer) non è crittografato e non autentica gli aggiornamenti del produttore. I ricercatori affermano di aver già avvisato Apple, e secondo l'articolo di Wired la compagnia avrebbe già provveduto a rilasciare la patch.
Questo è il secondo exploit che viene trovato nei Mac, ma è stato anche più difficile da patchare in quanto i computer possono essere infettati direttamente attraverso un link. L'ultimo aggiornamento (il 10.10.4) dovrebbe però averlo risolto. 

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
0