Alcuni ricercatori sono riusciti a controllare mentalmente dei ratti

Alcuni ricercatori sono riusciti a controllare mentalmente dei ratti
di

Un team di ricercatori cinesi ha dichiarato di essere riuscito a sviluppare una interfaccia brain-to-brain con cui sarebbero riusciti a controllare dei ratti, guidandoli con successo all'interno di un labirinto.

Non è la prima volta che una interfaccia BBI viene usata per controllare degli animali, ma sarebbe la prima volta, spiega Futurism.com, che l'operazione ha portato ad un risultato così complicato, come quello di guidare mentalmente un ratto all'interno di un ambiente complesso.

I ricercatori della Zhejiang University avrebbero inserito due coppie di elettrodi all'interno di due aree del cervello dei ratti, in totale i ratti coinvolti nell'esperimento sono stati sei. I ratti sono stati addestrati affinché associassero la stimolazione elettrica con alcuni movimenti precisi. Poi un EEG (elettroencefalogramma) connesso ad un computer ha trasformato la mente di uno dei ricercatori in un controller: i segnali generati dal cervello umano sono stati così tradotti in impulsi inviati al cervello dei ratti.

Gli scienziati sono stati in grado di comandare ai ratti, usando solo la loro mente, di andare ad esempio a destra o a sinistra, a seconda del caso, e questo in due test distinti, tra cui uno in un complesso labirinto. Il tasso di successo è stato "estremamente alto" per dieci test di fila.

Non sembrerebbe però chiaro il vero potenziale dell'esperimento, ad esempio un possibile impiego di questi ratti cyborg potrebbe essere quello di compiere operazioni di ricognizione in strutture a rischio, come nel caso di incendi o terremoti. Eppure c'è chi dice che per lo scopo è sicuramente più semplice usare direttamente droni telecomandati.

Quanto è interessante?
7

Gli ultimi Smartphone, TV 4K o gli accessori più GEEK li trovate in offerta su Amazon.it

Alcuni ricercatori sono riusciti a controllare mentalmente dei ratti