Altroconsumo apre una class action contro Facebook e chiede un risarcimento da 200 Euro!

Altroconsumo apre una class action contro Facebook e chiede un risarcimento da 200 Euro!
di

Interessante iniziativa di Altroconsumo. L'associazione dei consumatori, attraverso un post pubblicato sul proprio blog ufficiale un interessante post in cui annuncia l'inizio di una class action contro Facebook e chiede 200 Euro di risarcimento ad utente.

Le motivazioni principali di tale azione sono da ricercare nei recenti scandali che hanno interessato Facebook, e che hanno fatto partire quello che è a tutti gli effetti stato un anno orribile per la società di Zuckerberg.

"Lo sai che ogni volta che metti un "like" su un post o inizi a seguire una pagina Facebook, il buon vecchio Mark raccoglie dati sul tuo conto? E sei davvero certo di sapere che uso ne fa e dove finiscono questi dati?" esordisce il post in cui si legge che Altroconsumo, insieme ad altre associazioni di consumatori di Belgio, Spagna e Portogallo "ha deciso di avviare una class action contro Facebook, per chiedere che i consumatori europei vengano risarciti, che vengano correttamente informati sull'uso che viene fatto dei loro dati e che possano scegliere consapevolmente in qualsiasi momento quali di questi condividere".

A quanto pare gli avvocati sono anche riusciti a quantificare i danni: "tenendo conto dei benefici commerciali che Facebook ha ottenuto violando la protezione dei dati e le normative a tutela dei consumatori, chiederemo per te e per tutti gli utenti iscritti a Facebook un risarcimento minimo di 200 euro (tra valore ecnomico dei dati e danni morali), che può variare sulla base dell'utilizzo che fai di Facebook e da quanti anni sei iscritto al social" leggiamo nel post.

Per partecipare alla class action basta cliccare su questo indirizzo.

Quanto è interessante?
4

Alla ricerca di consigli di stile? Acquista The Blond Salad su Amazon, il libro della fashion blogger più popolare e apprezzata.

Altroconsumo apre una class action contro Facebook e chiede un risarcimento da 200 Euro!