di

In vista del Black Friday del prossimo mese, Amazon ha implementato una nuova misura di sicurezza presso i propri magazzini sparsi sul territorio italiano. Il colosso di Seattle, infatti, anche nel nostro paese ha adottato il software già usato altrove che è in grado di misurare la distanza tra i magazzinieri.

La notizia è stata riportata in anteprima da Wired, secondo cui il software presto sarà attivo in tutti i 29 magazzini di Amazon Italia. Proxemics, questo il nome dell’app, è in grado di effettuare controlli in tempo reale della distanza interpersonale tra i lavoratori, una misura attraverso cui mira ad evitare la diffusione del Coronavirus negli stabilimenti.

Al momento non è noto dove sia attivo il sistema, ma viste le proteste dei sindacati degli stabilimenti più importanti, è probabile che sia disponibile in quelli di Castel San Giovanni, Passo Corese e Torrazza.

L’azienda, prima di procedere con l’integrazione nel sistema di sorveglianza interno, ha interpellato l’ispettorato del lavoro. Proxemics lavora con altri software: Distance Assistant che analizza le immagini sfocate in tempo reale ed Occupy Counter che fornisce informazioni su quanti addetti occupano le aree comuni, per regolare il traffico al fine di ridurre gli assembramenti ed i contatti ravvicinati.

La misura è stata decisa anche per non bloccare la macchina di spedizione di Amazon, che è stata impattata durante la prima ondata di Coronavirus quando è stata costretta ad allungare i tempi di spedizione.

Quanto è interessante?
4