Amazon: aumento delle vendite durante l'estate, picco nel Prime Day

di

Nella serata di ieri Amazon ha annunciato i risultati finanziari relativi al terzo trimestre dell’anno, nel corso del quale ha riportato un aumento delle vendite, con il picco registrato nel corso del Prime Day, la giornata di promozioni riservate agli abbonati al programma.

Di particolare rilevanza anche il fatto che le vendite siano aumentate anche per i clienti che ordinano merci a basso costo, ad un tempo più veloce rispetto all’acquisto di merci nei negozi fisici.

Nel corso degli ultimi tre mesi, il gigante di Seattle ha anche acquistato Whole Foods per 13,7 miliardi di Dollari, il che ha contribuito anche a registrare un aumento delle vendite sebbene comunque l’operazione sia stata conclusa solo ad Agosto.

Il trimestre giugno-settembre ha permesso ad Amazon ri rilevare un utile netto di 256 milioni di Dollari o 52 centesimi per azione, in aumento rispetto ai 30 centesimi previsti dagli analisti.

L’azienda è finalmente arrivata al punto in cui può sostenere la sua crescita e lasciare qualche briciolo agli azionisti” ha affermato Michael Patcher, analista di Wedbush Securities.

Il Prime Day, la giornata di promozioni estiva, ha contribuito a replicare la frenesia tipica dello shopping invernale, ed ha aumentato le vendite.

Il fatturato è aumentato del 34% a 43,7 miliardi di Dollari, di cui 1,3 miliardi di Dollari di vendite rappresentate da Whole Foods. Anche questo dato ha battuto le stime degli analisti, che si aspettavano 42,1 miliardi di Dollari.

Nel corso della conference call tenuta a margine dell’annuncio, il CFO Brian Olsavsky ha annunciato che “nel corso dei prossimi mesi lavoreremo per migliorare l’integrazione” tra Amazon e Whole Foods, alludendo al fatto che ad esempio nei prossimi mesi potrebbe essere disponibile la consegna in due ore.

Lo stesso dirigente ha anche affermato che “probabilmente ci sarà lo sviluppo di nuovi formati di negozi”.

L’acquisizione di Whole Foods ha anche portato ad un aumento delle vendite al dettaglio ed online. Questi ultimi hanno registrato un aumento del 22% a 26,4 miliardi di Dollari, la crescita più rapida nel giro di un anno.

E’ chiaro che il punto cardine di Amazon resta Prime. I ricavi da commissioni per gli abbonamenti Prime sono aumentati del 59% a 2,4 miliardi di Dollari, mentre Amazon Web Services ha espanso il proprio margine di profitto del 41,9% a 4,58 miliardi di dollari.

Quanto è interessante?
1