Amazon e Apple hanno fornitori pirata? Le due aziende messe sotto controllo dalle autorità cinesi

di

Nella lista dei sorvegliati speciali dell’authority cinese per la protezione del copyright sono da poco finite Amazon e Apple che, come riporta Sina Tech, senza accorgersene, favorirebbero la pirateria del software e i contraffattori. Il mercato illegale cinese, infatti, sembrerebbe utilizzare da tempo il colosso del commercio elettronico come vetrina per i proprio prodotti, consentendo anche ai distributori terzi, come avviene anche in altri paesi, di utilizzare la sua potente piattaforma di e-commerce. Stesso discorso vale per l’Apple Store di Cupertino che, da qualche tempo, sarebbe stato invaso da numerosissimi e-book di dubbia provenienza; il problema alla base di tutto è che gli americani hanno serie difficoltà nell’individuazione dei prodotti illegali.

Il gruppo di Tim Cook, lo scorso anno, perse ben due cause cinesi riguardanti la distribuzione di e-book non rispettosi delle norme sul diritti d'autore, e a breve la situazione potrebbe ulteriormente peggiorare se la policy non verrà modificata. Dal mese di giugno, il Governo cinese ha dato il via ad una nuova campagna anti-pirateria, e i 36 negozianti di libri pirata su Amazon.cn hanno contribuito a far precipitare ulteriormente la situazione. Al momento sono in molti a chiedersi come mai Amazon sia finita sotto l'occhio delle autorità quando in Cina il suo volume di affari online costituisce un misero 1% del settore: sono in molti ad ipotizzare che possa trattarsi di un'operazione appositamente orchestrate, dal momento che la maggior parte del traffico illegale viene gestito su altri siti cinesi.

Quanto è interessante?
0