Amazon, parte la guerra ai corrieri: 1,5 miliardi di Dollari per un aeroporto proprietario

Amazon, parte la guerra ai corrieri: 1,5 miliardi di Dollari per un aeroporto proprietario
di

Amazon non ha mai fatto mistero delle proprie intenzioni di voler costruire un sistema di logistico proprietario che garantisca consegne tempestive, anche tramite droni, senza affidarsi a corrieri terzi. Nella giornata di ieri il piano ha subito una brusca accelerata.

L'amministratore delegato Jeff Bezos infatti ha ufficialmente aperto le porte a questa nuova espansione ed alle consegne aeree, presentando il primo hub aeroportuale dedicato a Prime Air e grande 900 mila metri quadrati.

Al suo interno ovviamente non sono presenti molti jet e cargo, in quanto evidentemente il progetto è nelle fasi iniziali, ma Bezos ha affermato che la compagnia sta investendo 1,5 miliardi di Dollari in questo progetto, che porterà alla creazione di 2.000 posti di lavoro.

Bezos, nella sua comparsa a sorpresa, è anche salito su una gru ed ha spostato simbolicamente un pò di terra, prima di annunciare che l'inaugurazione è prevista per il 2021. La compagnia intende utilizzare l'hub per i suoi circa 50 aerei, il tutto con un solo scopo: consegnare più velocemente i pacchi agli utenti. L'amministratore delegato ha infatti affermato che grazie a questa struttura "velocizzeremo le consegne Prime portandole da due ad un giorno".

Il messaggio quindi è quanto mai chiaro: Amazon vuole mettersi in concorrenza anche con i corrieri come FedEx ed UPS.

Nella giornata di ieri il colosso dei motori di ricerca ha anche svelato il nuovo robot per i magazzini.

FONTE: TECHCRUNCH
Quanto è interessante?
6