Amazon, Jeff Bezos contestato in India: "E' un terrorista economico"

Amazon, Jeff Bezos contestato in India: 'E' un terrorista economico'
di

Accoglienza molto negativa per Jeff Bezos in India. Il fondatore di Amazon, nonchè uomo più ricco del mondo, è stato contestato da un gruppo di piccoli negozianti locali, che sono scesi in piazza per protestare contro la società da lui fondata.

Secondo molti, il miliardario americano sarebbe il principale responsabile della chiusura di molti piccoli negozi, un'accusa mossa di recente anche in Italia dove la storica libreria Paravia di Torino ha puntato il dito contro Amazon, che secondo le proprietarie avrebbe distrutto il settore dell'editoria.

All'arrivo da New Delhi, per il summit Smbhav, un meeting organizzato dalla divisione locale di Amazon con le piccole e medie imprese e nel corso del quale Bezos ha annunciato un investimento da un miliardo di Dollari, il magnate è stato accolto dalle proteste dei commercianti che lo hanno accusato di essere un "terrorista economico" e di aver distrutto l'economia locale.

Le proteste concludono un periodo non certo positivo per Bezos, che proprio qualche giorno fa ha annunciato una donazione da 690mila Dollari a sostegno dei Vigili del Fuoco australiani, che negli ultimi tempi sono stati impegnati con gli incendi che hanno interessato lo Stato. Molti utenti hanno però criticato la decisione di Mr.Amazon, accusato ancora una volta di essere troppo avaro.

Quanto è interessante?
7