di

I tagli al personale Amazon confermati a inizio 2023 non arrivano in un periodo casuale per il colosso dell'e-commerce. Infatti, il 2022 non è stato esattamente il più positivo degli anni per Andy Jassy e soci.

A tal proposito, come riportato da Fortune, il recente periodo ha fatto segnare una perdita di un trilione di dollari di valore di mercato per Amazon, nonché un calo vicino al 50% lato stock nel 2022 (dato che fa segnare il peggior anno dal 2000, ovvero dalla bolla delle dot-com, per la società in questo senso). In questo contesto, è chiaro che si inizi a discutere in merito a possibili scenari legati al 2023.

Tra le possibilità che tengono maggiormente banco c'è il potenziale ritorno di Jeff Bezos, che ha lasciato il ruolo di CEO dell'azienda nel 2021, lasciando spazio al succitato Andy Jassy, fino a quel momento a capo degli Amazon Web Services. Si discute ormai da tempo sulle motivazioni per cui Jeff Bezos non è più CEO di Amazon, ma in un periodo di difficoltà come questo c'è chi pensa che un possibile ritorno "come si deve" del fondatore possa effettivamente avvenire.

A far emergere con insistenza l'ipotesi c'è l'analista Michael Batnick, Director of Research del Ritholtz Wealth Management, che ai microfoni della CNBC ha affermato di ritenere plausibile uno scenario di questo tipo, in quanto anche Bezos stesso sta risentendo della situazione a livello di patrimonio personale. Inoltre, il 2022 ha segnato accadimenti importanti come il ritorno di Bob Iger a Disney e di Howard Schultz a Starbucks, quindi non si tratterebbe di una situazione "senza precedenti".

Quanto è interessante?
3