Amazon pensiona l'IA per le assunzioni: discriminava le donne

Amazon pensiona l'IA per le assunzioni: discriminava le donne
di

Secondo quanto riferito da Reuters, Amazon per diverso tempo avrebbe lavorato sullo sviluppo di un'intelligenza artificiale proprietaria per aiutare gli addetti al personale ad assumere le persone, ma qualche tempo dopo è stata costretta a mettere da parte il progetto in quanto il sistema avrebbe discriminato le donne.

La notizia è stata confermata all'agenzia di stampa internazionale da cinque fonti, le quali hanno riferito che la società di Jeff Bezos avrebbe istituito un team di ingegneri ad Edimburgo, in Scozia, nel 2014 allo scopo di automatizzare il sistema di reclutamento.

Gli sviluppatori avrebbero creato oltre cinquecento modelli di computer in grado di navigare tra i curriculum ricevuti e raccogliere circa 50.000 termini chiave. Il sistema avrebbe dovuto selezionare cinque migliori candidati ogni cento curriculum, in modo tale da effettuare una scrematura importante alle richieste.

Tuttavia un anno dopo gli stessi ingegneri avrebbero notato che all'IA non piacevano le donne, che venivano discriminate. Il motivo sarebbe da ricercare nel fatto che per l'addestramento sono stati sottoposti al sistema quasi tutti curriculum maschili. Di conseguenza, l'intelligenza artificiale ha tratto la conclusione che le assunzioni avrebbero dovuto riguardare maschi, ma chiaramente non era cosi.

Tale aspetto ha portato all'eliminazione automatica di tutti i curriculum contenenti l'elemento "donna" al loro interno.

Secondo quanto riferito da alcune fonti, il pregiudizio a livello sessuale non sarebbe stato l'unico problema, in quanto l'IA ha anche classificato come ideali alcuni candidati non qualificati per una determinata posizione.

FONTE: BI
Quanto è interessante?
4

Gli ultimi Smartphone, TV 4K o gli accessori più GEEK li trovate in offerta su Amazon.it