Amazon, lo sciopero del Black Friday raddoppia: fermi pure i lavoratori saltuari

di
Nella serata di ieri abbiamo riportato su queste pagine la notizia riguardante lo sciopero indetto dalle principali sigle sindacali nello stabilimento di Piacenza di Amazon che potrebbe bloccare la giornata del Black Friday di domani.

A qualche ora dalla pubblicazione della notizia è però poi arrivata anche la contro risposta del gigante di Seattle. E' di queste ore invece la notizia che insieme alla varie sigle sindacali, aderiranno allo sciopero anche i "Green Badge", lavoratori chiamati da Amazon nel corso dei periodi in cui sono previsti maggiori quantitativi di ordini e quindi un maggior carico di lavoro.

Anche loro, quindi, hanno deciso che si fermeranno dal turno mattutino di venerdì fino al primo del sabato. Alle rivendicazioni dei dipendentisi aggiungono, per loro, le richieste "di aprire un percorso per dare stabilità e continuità all’occupazione e condizioni di lavoro decenti in Amazon". Le richieste si rivolgono però anche alle agenzie coinvolte (Adecco, Manpower, Gi Group) per "la riduzione del turn over, l’allungamento della durata dei contratti in somministrazione e la condivisione di percorsi di stabilizzazione, il rispetto della parità di trattamento retributiva sui livelli di inquadramento e sulla negoziazione di premi economici integrativi, un utilizzo corretto del monte ore garantito e ritmi di lavoro che non mettano a rischio la salute e la sicurezza dei lavoratori".

Se il Black Friday dell’anno scorso per Amazon è stato ricordato come quello del record di ordini (1,1 milioni di ordini), il Black Friday di domani invece potrebbe essere ricordato per motivi tutt’altro che positivi, con possibili ritardi nell'evasione degli ordini.