AMD: gli sviluppatori a lavoro su Zen hanno la libertà totale

di

La microarchitettura Zen è tremendamente importante per Advanced Micro Devices. Se essa avrà successo, allora AMD si può considerare ancora in corso per fare concorrenza ad Intel nel settore CPU. Se invece qualcosa andrà storto, allora l'azienda potrebbe essere in seri guai. Pare che gli sviluppatori hanno la libertà assoluto sullo sviluppo di Zen.

Fortunatamente, l'architettura promette di essere molto competitiva. 

La settimana scorsa Jim Keller ha lasciato AMD, dando sicuramente un grosso colpo basso all'azienda. 

"E' la prima volta da molto tempo che gli sviluppatori hanno la libertà totale sulla progettazione di un processore, e facciamo quanto meglio possiamo. 
Zen è un progetto che portiamo avanti da un po' d'anni con un grosso team. E' come gli sforzi per una maratona, con degli sprint concentrati nella parte di mezzo dello sviluppo. Il team sta lavorando davvero duramente, ma possono finalmente vedere la linea d'arrivo. Garantisco che Zen darà un grosso incremento alle prestazioni e ai bassi consumi rispetto alla scorsa generazione", ha detto Suzanne Plummer, che ha il compito di supervisionare lo sviluppo delle CPU Zen. Plummer lavora nell'azienda sin dal 2002.

Il primo processore Zen ha nome in codice 'Summit Ridge', e ci si aspetta che sia sul mercato ad ottobre 2016. Il prodotto sarà riferito ai desktop high-end ed ai server. I nuovi core dovrebbero offrire circa il 40% di performance in più con le stesse frequenze di clock.

Finalmente sembra che Advanced Micro Devices si stia dando una mossa, perché Zen rappresenta il major update che mancava sin dal 2011.


Quanto è interessante?
0