AMD: processori al riparo da Spectre grazie all'architettura Zen 2

di

Come altre compagnie del settore, anche AMD è al lavoro per proteggere i propri utenti dalle falle di sicurezza Meltdown e Spectre che stanno attanagliando il mondo dell'informatica e dei computer. E se Intel qualche giorno fa ha promesso l'arrivo di una nuova gamma di microprocessori immuni, anche AMD si sta muovendo da questo fronte.

La compagnia, infatti, ha annunciato che intende implementare delle correzioni con l'architettura Zen 2, che probabilmente saranno lanciati nel 2019, nelle CPU basate sul processo produttivo a 7 nanometri FinFET.

Lisa Su, l'amministratore delegato di AMD, ha ribadito la posizione della propria società ed ha sottolineato che i chip della compagnia non sono vulnerabili a Meltdown, tanto meno ad alcune iterazioni di Spectre.

"Per quanto riguarda la variante 1 di Spectre, continueremo a lavorare con i nostri partner dell'ecosistema su correzioni, compresi aggiornamenti per i sistemi operativi che sono già disponibili. Continuiamo però a credere che la seconda variante della vulnerabilità sia difficile da sfruttare sui processori AMD. Tuttavia, è in programma la distribuzione di aggiornamenti a livello di microcodice per le CPU insieme a fix per i sistemi operativi, che offriranno ulteriori mitigazioni" ha affermato il CEO.

Interessante la strategia a lungo termine della compagnia, per cui la compagnia ha "incluso delle modifiche ai core, a cominciare dal design Zen 2, al fine di proteggere gli utenti da eventuali exploit simili a Spectre. Continueremo a collaborare con le altre aziende del settore su queste vulnerabilità, mentre continuiamo a proteggere i nostri utenti da queste ed altre minacce".

In parole povere, quindi, fino al 2019 AMD non risolverà completamente il problema Spectre, in quanto la roadmap da poco svelata dall'azienda ha lasciato intendere che l'architettura Zen 2 non dovrebbe vedere la luce prima del prossimo anno.

FONTE: PCWorld
Quanto è interessante?
3