L'America è stata scoperta nel 1492? Forse non esattamente

L'America è stata scoperta nel 1492? Forse non esattamente
di

Un antico testo suggerisce che gli europei conoscevano l’America prima che Cristoforo Colombo salpasse con le sue tre caravelle nel 1492.

Il documento misterioso è stato scritto da un frate milanese intorno al 1345 e contiene quello che sembra un riferimento alla costa atlantica del Nord America, suggerendo che i marinai italiani erano già a conoscenza del continente quasi 150 anni prima di quanto la letteratura ci ha insegnato. Intitolato “Cronica universalis” e scritto dal frate Galvaneus Flamma, l'opera è redatta in lingua latina ed è attualmente inedita. In essa, Galvaneus tenta di dettagliare la storia del mondo intero, dalla sua creazione al XIV secolo. A tal proposito, Paolo Chiesa, docente del Dipartimento di Studi letterari, filologici e linguistici dell'Università degli Studi di Milano, ha affermato: “Siamo in presenza del primo riferimento al continente americano, seppure in forma embrionale, nell'area mediterranea”.

Galvaneus scrive di una terra chiamata Marckalada, a ovest della Groenlandia, che dovrebbe corrispondere alla regione del Markland, probabilmente in riferimento alle moderne regioni del Labrador e della Terranova situate nel Canada orientale. L’opinione degli esperti in merito a questa citazione, pubblicata su “Terrae Incognitae”, sostiene che il frate aveva sentito parlare di Markalada attraverso contatti e informazioni trasmesse da Genova. A questo proposito, lo stesso Colombo nacque nella città portuale ligure, e non è da escludere la possibilità che avesse sentito parlare di una terra nordamericana dai marinai che frequentavano il porto. Infatti, Genova intratteneva ottimi rapporti con i territori del nord, come Islanda o Groenlandia, dove probabilmente circolavano “storie” su rotte commerciali per Marckalada.

In questo senso, lo stesso Chiesa ha dichiarato: “Queste voci erano troppo vaghe per trovare consistenza nelle rappresentazioni cartografiche o accademiche”.

Quanto è interessante?
2