L'ammissione di Microsoft: "ci sbagliavamo su Linux e sull'open source"

L'ammissione di Microsoft: 'ci sbagliavamo su Linux e sull'open source'
di

Il presidente di Microsoft, Brand Smith, ha ammesso che la società si è sbagliata sull'open source e Linux. Si chiude quindi una disputa ideologica durata quasi 20 anni, e portata avanti dall'allora CEO della società Steve Ballmer che aveva definito Linux "un cancro".

La storia è cambiata sotto la direzione di Nadella, che dal suo insediamento ha modificato profondamente la politica societaria ed ha abbracciato Linux e l'open source. Lampante è l'introduzione al supporto del kernel Linux all'interno di Windows 10.

Smith, nello specifico, ha dichiarato che "Microsoft era dalla parte sbagliata quando l'open source è esploso all'inizio del secolo, e posso dirlo anche per quanto mi riguarda personalmente. La vita però permette di imparare e cambiare idea, ed oggi Microsoft è diventata il principale contributor ai progetti open source al mondo in ambito aziendale".

Lampante è anche l'acquisizione di Github da parte di Microsoft, avvenuta nell'ottobre del 2018 e che secondo molti ha rappresentato il punto di svolta per la filosofia di Microsoft, nonostante le aspre critiche ricevute da molti sviluppatori che hanno preferito abbandonare la piattaforma in segno di protesta nei confronti della compagnia fondata da Bill Gates.

Le dichiarazioni del presidente Smith però sono destinate a mettere definitivamente una pietra tombale su una questione che durava dal 2001.

FONTE: Techradar
Quanto è interessante?
3