Amnesty International: "Google e Facebook sono una minaccia per i diritti umani"

Amnesty International: 'Google e Facebook sono una minaccia per i diritti umani'
di

Dopo la notizia di questa mattina, torniamo sulla questione sollevata da Amnesty International, organizzazione impegnata nella difesa dei diritti umani, per citare alcuni passaggi dell'ormai famoso documento di 60 pagine.

In particolare, come riportato anche da Gizmodo, all'interno di quest'ultimo l'organizzazione accusa duramente i due colossi del mondo del Web, analizzando i diversi casi che hanno portato alla situazione attuale. D'altronde, il titolo del documento pubblicato da Amnesty International è "Ecco come il modello di business di Google e Facebook minaccia i diritti umani".

Giusto per citarvi alcuni passaggi del documento, che vi invitiamo a consultare per intero, riportiamo di seguito un breve estratto di quanto scritto da Amnesty International. "L'ascesa del modello di business basato sulla sorveglianza ha portato due società - Google e Facebook - a controllare un'architettura di controllo che non ha eguali nella storia umana. Questo sistema copre interi continenti e tocca almeno un terzo della popolazione mondiale. Nella sua forma attuale, il modello aziendale basato sulla sorveglianza è incompatibile con il diritto alla privacy e costituisce una grave minaccia per una serie di altri diritti umani".

Insomma, l'organizzazione impegnata nella difesa dei diritti umani non le ha di certo mandate a dire ai colossi del Web. Un portavoce di Facebook ha commentato la vicenda ai microfoni di Gizmodo: "Facebook consente alle persone di tutto il mondo di connettersi in un modo che protegge la loro privacy, questo anche nei Paesi meno sviluppati attraverso strumenti come Free Basics. Il nostro modello di business permette a gruppi come Amnesty International, che attualmente pubblicano annunci su Facebook, di raggiungere i sostenitori, raccogliere fondi e portare avanti la propria missione".

FONTE: Gizmodo
Quanto è interessante?
6
Amnesty International: 'Google e Facebook sono una minaccia per i diritti umani'