Se andate negli USA non tenete gli scontrini con voi: l'80% contengono sostanze tossiche

Se andate negli USA non tenete gli scontrini con voi: l'80% contengono sostanze tossiche
di

Secondo una ricerca condotta dall'Ecology Center, un'organizzazione non profit dedicata alla salute ambientale, una schiacciante maggioranza delle ricevute emesse dalle principali catene di negozi e ristoranti negli Stati Uniti, precisamente l'80%, sono impregnate di sostanze chimiche tossiche come bisfenolo A (BPA) e il bisfenolo S (BPS).

Questi composti, utilizzati nella produzione di plastiche policarbonato e altri materiali, sono noti per le loro proprietà di interferenza ormonale, capaci di assorbirsi facilmente attraverso la pelle umana. La portata di questa scoperta è tanto vasta quanto preoccupante, considerando che le ricevute vengono maneggiate quotidianamente da milioni di persone, dai consumatori agli impiegati.

Nonostante il BPA sia riconosciuto per i suoi effetti sul sistema riproduttivo degli animali da laboratorio, l'impatto sulla salute umana rimane oggetto di ulteriori ricerche. Tuttavia, la sua presenza quasi ubiquitaria, come dimostrato dai test dell'U.S. Centers for Disease Control and Prevention che hanno rilevato BPA nell'urina della quasi totalità degli americani testati, sottolinea l'ampia esposizione a questa sostanza chimica (a proposito, ecco perché è gialla).

Alcune catene di negozi, consapevoli dei potenziali rischi, hanno iniziato a impegnarsi per eliminare queste sostanze chimiche dalle loro ricevute. Walgreens, ad esempio, ha annunciato il passaggio a ricevute prive di fenoli, una mossa che doveva eliminare l'uso di sostanze chimiche a base di fenolo come BPA o BPS, entro la fine del 2023.

L'Ecology Center consiglia ai consumatori di rifiutare le ricevute stampate quando possibile o di lavarsi le mani dopo averle maneggiate, oltre a suggerire precauzioni specifiche per i lavoratori che le maneggiano regolarmente. Una cosa che abbiamo tutti di "estraneo" all'interno del corpo, invece, sono le microplastiche, trovate anche nel sangue.