Android 12 farà vibrare gli smartphone a ritmo di musica: il test su Google Pixel

di

Android 12 potrebbe introdurre una novità alquanto particolare sugli smartphone che lo supporteranno, ovvero l’”effetto aptico accoppiato all’audio”; in altre parole, la vibrazione del dispositivo a ritmo della musica in riproduzione, feature che potrebbe rendere molto più immersivo l’ascolto di certi contenuti.

A scoprire questa feature sono stati gli esperti di XDA Developers che hanno trovato i riferimenti del caso nella pagina ufficiale per ogni riferimento al codice sorgente di Android, scoprendo la funzione chiamata “Haptic Generator”. Quest’ultima dovrebbe trattarsi di un post-processore audio che, sulla base dell’audio in riproduzione, genererà dati aptici poi inviati insieme ai dati audio al dispositivo per richiedere non solo l’output audio ma anche la vibrazione a ritmo.

Al momento Google starebbe provando le API per renderla disponibile e i primi test potete vederli per esempio nel video allegato all’articolo, dove un utente riproduce One More Time dei Daft Punk sul suo Google Pixel 4 – curiosamente, l’unico smartphone al momento in grado di supportare le API HapticGenerator assieme al fratello maggiore Pixel 4 XL.

Secondo XDA Developers l’implementazione ufficiale avverrà con la prossima generazione Google Pixel 6 e riguarderà soprattutto la personalizzazione delle suonerie. Ci sarà, però, un fattore chiave per il futuro della funzionalità: il suo corretto funzionamento dipenderà, infatti, dal tipo di motore aptico che verrà implementato nel dispositivo mobile d’interesse. Si tratterà dunque di un doppio requisito: il supporto da Android 12, lato software, e lato hardware la presenza di un componente ben funzionante.

Intanto si parla già di una feature esclusiva di Android 12 per Google Pixel, ovvero l’auto-traduzione per le applicazioni. O ancora, con la prossima iterazione del sistema operativo del robottino verde arriverà una nuova "Game Mode" segreta.

FONTE: Android
Quanto è interessante?
1