Android 8.1 Oreo compare in un APK dell'app Google, è la volta buona?

di

La "storia" di Android Oreo si sta trascinando sempre più per le lunghe. Dopo la "trollata" da parte di Google, che aveva rilasciato un update di pochi MB che si è poi rivelato essere nient'altro che la DP4 con le patch di sicurezza di agosto, e dopo l'uscita dal programma Beta della stessa build, oggi si parla già della versione 8.1.

Infatti, sono arrivate, già negli scorsi giorni, delle indiscrezioni riguardanti il presunto Android P, che tuttavia si ipotizza essere una Manteinance Release (ipoteticamente versione 8.1 e non 9.0), ovvero un "update di intermezzo" più che una major release. Difficile, dunque, che il nome Oreo venga già cambiato, ma in questa news utilizzeremo comunque Android P per comodità.

Le conferme erano in quel caso arrivate dall'AOSP, in parole povere il sito che ospita il codice open source del robottino verde. In particolare, gli attivissimi ragazzi del noto forum XDA avevano trovato ben tre commit che indicavano come Android P fosse già in test su Pixel e Pixel XL.

Oggi, invece, è stato scoperto che in un APK relativo alla versione 7.11 Beta dell'app Google compare una parte di codice XML riportante il livello di API 27 (l'attuale build di Oreo implementa il livello 26) e, appunto, la succitata versione 8.1.0. Oltre a questo, l'analisi dell'APK in questione ha fatto emergere le seguenti possibili novità:

  • Possibilità di disattivare la nuova funzionalità di modifica degli screenshot
  • Nuova interfaccia per la creazione di shortcut in Google Assistant
  • Suggerimento automatico che ci avverte di attivare il Bluetooth quando saliamo in auto
  • Nuove icone, tra cui quella di Google Lens che presenta una forma "più quadrata"
  • Si fa riferimento a delle notifiche per Bisto, le cuffie auricolari con Google Assistant

Insomma, l'APK in questione non lascia spazio a dubbi: qualche sviluppatore è già in possesso dell'SDK di Android 8.1, segno che il suo rilascio potrebbe essere più vicino di quanto si pensi.

Pensandoci bene, infatti, ora il "cerchio" sembra chiudersi: Google avrebbe utilizzato l'attuale versione 8.0 del robottino verde come una sorta di test in attesa del rilascio "vero e proprio", ovvero quello del presunto Android P. E' probabile, a questo punto, che l'annuncio di questa nuova versione del robottino verde arrivi in concomitanza con quello dei Google Pixel 2. D'altronde, già nella certificazione FCC di uno di essi era comparsa la versione 8.0.1, che potrebbe essere stata "trasformata" proprio nella 8.1.0 di cui vi abbiamo parlato in questa news.

Quanto è interessante?
2