Andy Rubin avrebbe lasciato Google per un rapporto "inappropriato" con una donna

di
L'Essential Phone, il primo smartphone della nuova società del papà di Android Andy Rubin, non ha fatto certo registrare il riscontro sperato sul mercato, su cui ha venduto poche unità. Oggi, per la compagnia, arriva un fulmine a ciel sereno.

Il fondatore ed amministratore delegato, infatti, si è preso un periodo di aspettativa per "motivi personali" a seguito della pubblicazione di un rapporto secondo cui il motivo per cui, tre anni fa, avrebbe lasciato Google, sarebbe da imputare ad una così detta "relazione appropriata" con una donna che lavorava nel suo team.

La natura di questo rapporto ancora non è nota, ma il portavoce di Rubin, Mike Sitrick ha negato qualsiasi tipo di connessione tra le due vicende, affermando che "qualsiasi rapporto che il signor Rubin ha avuto durante il periodo in cui ha lavorato in Google è stato consensuale. Andy Rubin non ha mai avuto atteggiamenti impropri, nè prima e nè dopo".

Secondo quanto pubblicato da The Information, il papà di Android avrebbe annunciato la decisione ai dipendenti Lunedì pomeriggio, poco dopo aver ricevuto notifica dal giornale della pubblicazione dell'articolo.

La donna che ha presentato la denuncia al dipartimento delle risorse umane di Big G, avrebbe lavorato nella divisione Android gestita da Rubin, e se confermata violerebbe i principi di Google. Il motore di ricerca, infatti, non vieta in toto le relazioni tra dipendenti, a patto che questi lavorino in due divisioni diverse.

Rubin ha lasciato Android nel Marzo 2013 per concentrarsi sulla robotica. Google avrebbe tenuto un'indagine interna nel 2014, che ha confermato il comportamento inappropriato dell'ex dirigente.