Gli animali stanno tornando a ripopolare la zona di esclusione di Fukushima

Gli animali stanno tornando a ripopolare la zona di esclusione di Fukushima
di

Così com'è successo nella zona di esclusione di Chernobyl, anche in quella di Fukushima la vita sta iniziando, pian piano, a ripopolare il luogo abbandonato dagli esseri umani, secondo quanto riportato da un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Frontiers in Ecology and the Environment".

Nel 2011, in seguito ad un terremoto, nella centrale nucleare di Fukushima ebbero luogo tre crisi nucleari, con conseguenti esplosioni e rilascio di materiale radioattivo. Il governo giapponese, all'epoca, fece evacuare un'area delle dimensioni di Los Angeles, suddivisa in tre grandi zone: una in cui le persone possono tornare a vivere, una in cui solo alcune aree sono sicure e un'altra zona non sicura per gli umani a causa degli alti livelli di radiazione.

Recentemente, un nuovo studio ha esaminato il livello della popolazione della fauna selvatica grazie a 120 trappole fotografiche posizionate attorno alle tre zone. Alla fine, i ricercatori hanno raccolto più di 267.000 immagini: ciò ha permesso un'osservazione senza precedenti degli animali che vagano per i luoghi di Fukushima.

Le creature più comunemente individuate in qualsiasi zona erano cinghiali; la loro popolazione in alcune zone è raddoppiate e, in altre, è addirittura triplicata. "Nel corso del tempo, alcune specie di animali selvatici hanno risposto favorevolmente all'assenza di esseri umani, anche in presenza di elevati livelli di radiazione", afferma Thomas Hinton, un radioecologo dell'Università di Fukushima che ha lavorato allo studio.

I risultati mostrano che la fauna selvatica è in grado di prosperare in luoghi pericolosi per gli umani. Lo studio non ha rivelato anomalie a livello di popolazione per nessuna delle specie studiate (con tanto di video). "Gli esseri umani sono il cancro della natura", afferma infine Hinton. "La nostra presenza in continua espansione ha un impatto evidente su molte specie di animali selvatici. La natura, tuttavia, è resistente e se lo stress della presenza umana si riduce, molte popolazioni di animali aumenteranno di numero."

FONTE: earther
Quanto è interessante?
5
Gli animali stanno tornando a ripopolare la zona di esclusione di Fukushima