INFORMAZIONI SCHEDA
di

IBM ha fatto di nuovo la storia: nella giornata odierna ha annunciato di avere sviluppato il primo batch di chip al mondo con tecnologia a 2 nanometri. Un salto estremamente importante nel mondo dei semiconduttori che permetterà di ottenere migliorie fondamentali nelle prestazioni e nella qualità dei chip.

Con la domanda di chip che continua a crescere per implementarli su dispositivi di comunicazione, sistemi di trasporto, infrastrutture critiche, Internet of Things, piattaforme cloud e intelligenza artificiale, questa svolta cruciale mostrata da IBM può comportare vantaggi come:

  • Aumento significante della batteria di dispositivi mobili, fino a un’autonomia quattro volte maggiore rispetto a quella odierna per gli smartphone;
  • Riduzione notevole dell’impronta ambientale dei data center, che a oggi rappresentano l’1% del consumo energetico globale: con la modifica dei server ai processori a 2 nanometri, si prevede un calo del consumo energetico pari al 75%;
  • Prestazioni fino al 45% superiori per computer portatili e altri prodotti, grazie all’elaborazione più rapida lato app, all’accesso più rapido a Internet e altro ancora;
  • Miglioramenti nei tempi di reazione e nella qualità dei sistemi per veicoli a guida autonoma.

Darío Gil, Vicepresidente senior e Direttore della ricerca IBM, ha dichiarato: “L'innovazione IBM riflessa in questo nuovo chip da 2 nm è essenziale per l'intero settore dei semiconduttori e IT. È il prodotto dell'approccio di IBM nell'affrontare sfide tecnologiche difficili e una dimostrazione di come le scoperte possono derivare da investimenti sostenuti e un approccio collaborativo all'ecosistema di ricerca e sviluppo”.

Scendendo nel dettaglio, per la gioia dei più appassionati, il wafer prodotto da IBM si basa sulla tecnologia nanosheet e su un’architettura completamente inedita nel settore dei semiconduttori, a quattro anni dal design a 5 nanometri. Così facendo, la società ha garantito un aumento del numero di transistor per chip fino a 50 miliardi, il tutto in un componente delle dimensioni di un’unghia. Ciò significa non solo cambiamenti importanti lato prestazioni ma anche lato sicurezza.

IBM, in questo modo, ha anticipato Apple e TSMC, le quali avrebbero avviato una collaborazione a marzo per lavorare sul processo a 2 nanometri prima della concorrenza. A proposito di TSMC, il produttore taiwanese ha detto la sua sulla carenza di chip sul mercato.

FONTE: Anandtech
Quanto è interessante?
4
Annuncio bomba di IBM: creati i primi chip al mondo con processo a 2 nanometri