Anonymous contro la censura in Russia: utenti chiamati a raccolta su TripAdvisor e Maps

Anonymous contro la censura in Russia: utenti chiamati a raccolta su TripAdvisor e Maps
di

Nella giornata di ieri abbiamo riportato la notizia di come gli utenti in Russia stiano aggirando la censura con le recensioni su Google Maps, sotto forma di recensioni di McDonald’s ed altri luoghi visitati in cui vengono inserite notizie su ciò che sta accadendo nella vicina Ucraina.

A quanto pare, lo stesso sta avvenendo anche su TripAdvisor. A far partire il trend è stato Anonymous che negli ultimi giorni ha lanciato una vera e propria cyberwar ai danni del Cremlino. Il gruppo di hacker infatti tramite il proprio account ufficiale Twitter ha chiamato a raccolta gli utenti a cui ha dato le istruzioni sul da farsi: “andate su Google Maps. Andate in Russia. Cercate un ristorante o un’attività e scrivete una recensione. Qui, raccontate ciò che sta accadendo in Ucraina. Lasciate recensioni a cinque stelle (a meno che non sia un’attività controllata dallo stato) per non danneggiare le attività. Il punto di questa campagna è fornire informazioni alla popolazione civile russa a cui Putin sta mentendo”.

TripAdvisor ha deciso di correre ai ripari ed ha deciso di bloccare tutte le recensioni più recenti. Nelle pagine dei ristoranti di Mosca è stato inserito un messaggio molto chiaro “a causa di un recente evento che ha attirato l’attenzione dei media e ha causato un afflusso di invii di recensioni che non descrivevano esperienze reali, abbiamo temporaneamente sospeso la pubblicazione di nuove recensioni per questo elenco. Se hai avuto un’esperienza diretta in questa struttura, torna presto a trovarci: non vediamo l’ora di ricevere la tua recensione”. Lo stesso ha fatto anche Google Maps, che era stato toccato per primo dall'iniziativa.

Qualche giorno fa Anonymous ha anche modificato i dati navigazione dello yacht di Putin, ma ha promesso che la cyber-war non terminerà.

Quanto è interessante?
7