Anonymous contro la Russia: online i dati di 120mila soldati e file riservati di Putin

Anonymous contro la Russia: online i dati di 120mila soldati e file riservati di Putin
di

Continua la cyberwar di Anonymous contro la Russia. Il gruppo di hacktivisti ha alzato ulteriormente il tiro e come rivendicato direttamente attraverso i propri account ufficiale Twitter, nelle scorse ore sono stati diffusi in rete i dati personali di 120mila soldati della Russia, che in questi giorni hanno attaccato l’Ucraina.

Il database include nomi, date di nascita, indirizzi, unità d’affiliazione, numeri di passaporto ed anche i numeri di telefono. Negli scorsi giorni una prima parte dell’elenco era stata diffusa dal quotidiano Pravda Ucraina, ma il cerchio si è chiuso nelle scorse ore. La sua pubblicazione è estremamente importante per gli altri hacktivisti, che sfruttando tali informazioni potrebbero ottenere l’accesso alla rete di comunicazione.

Anonymous ha però voluto specificare che questi attacchi (negli scorsi giorni Anonymous aveva attaccato vari ministeri) non sono da intendersi come contro il popolo russo: “non siamo vostri nemici, ma il vostro governo sta attaccando uno Stato sovrano. Ribellatevi” si legge in un messaggio in cui invita i soldati russi ad “arrendersi e mettere giù le vostre armi. Il popolo ucraino non vuole la guerra”.

La controffensiva però non riguarda solo l’esercito ma anche direttamente il presidente della Russia. Negli scorsi giorni Anonymous aveva hackerato lo yacht di Vladimir Putin, ma ha spiegato che sta lavorando per indagare sul patrimonio personale dell’inquino del Cremlino. PucksReturn, su Twitter, ha annunciato di essere entrato in possesso di alcuni documenti riservati del presidente della Russia, che conterrebbero dettagli di alcune operazioni condotte sui suoi conti personali.

Quanto è interessante?
10