Gli "antinutrienti", esistono e li mangiamo ogni giorno: ecco cosa sono

Gli 'antinutrienti', esistono e li mangiamo ogni giorno: ecco cosa sono
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Ci dicono da sempre di mangiare cibi nutrienti e sani. Molti però, omettono o magari non sanno, che è anche importante magiare cibi antinutrienti (chiamati anche composti antinutrizionali). Magari non conoscerete queste sostanze, ma andiamo subito a vedere cosa sono e perché sono importanti per il nostro corpo.

Partiamo subito dicendo che sono delle sostanze naturali che si trovano negli alimenti. Gli antinutrienti, in poche parole, bloccano o interferiscono con l'assorbimento di altre sostanze nutritive dall'intestino e nel flusso sanguigno in modo da poterle poi riutilizzare. Quest'ultimi interferiscono in particolar modo con l'assorbimento di calcio, ferro, potassio, magnesio e zinco.

Dove si trovano questi antinutrienti? Specialmente e naturalmente nei cereali integrali e nei legumi. Diversi studi sostengono della grande importanza e dei benefici di queste sostanze per la salute, sottolineando come non siano motivo di preoccupazione. Ecco, quindi, una piccola dimostrazione dei benefici di questi composti:

  • Saponine (si trova nei legumi): possono rafforzare il sistema immunitario, ridurre il rischio di cancro , abbassare il colesterolo, ridurre il rischio di calcoli renali e combattere la coagulazione del sangue osservata negli attacchi di cuore e ictus;
  • Lectine (cereali e legumi): sono associate a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari, un ridotto sviluppo del diabete e alcuni tipi di cancro;
  • Tannini (tè, caffè, carni lavorate e formaggi), sono antiossidanti che possono inibire la crescita di batteri, virus, funghi e lieviti e possono ridurre i livelli di colesterolo e la pressione sanguigna;

La lista è ancora lunga e i benefici di questi antinutrienti sono ancora molti. L'unico composto che ha fatto storcere il naso agli esperti è rappresentato dagli ossalati (si trovano in legumi, barbabietole, frutti di bosco, mirtilli rossi, arance, cioccolato, tofu, caffè, tè e birra), uno dei pochi di questa lista con impatti prevalentemente negativi sul corpo, poiché possono anche aumentare il rischio di sviluppare calcoli renali in alcune persone (comune anche tra li astronauti, ma per una causa differente).

I vantaggi, comunque, sono molto (molto!) di più degli svantaggi, secondo quanto riportano i vari studi. Gli anti-nutrienti diventano una preoccupazione solo se questi alimenti vengono consumati in quantità elevatissime, il che è molto improbabile per la maggior parte degli adulti e dei bambini. Inoltre, una grande percentuale di anti-nutrienti viene rimossa o persa dai cibi che le persone mangiano mentre vengono lavorati e cotti, soprattutto se sono coinvolti processi di ammollo, sbollentamento, bollitura o altri processi dove l'alta temperatura fa da padrone al cibo.

Insomma, quindi, ricordatevi di mangiare cibo ricco di nutrienti e... anche di antinutrienti.

Quanto è interessante?
4