Apple AR: come funzionerà con film e serie TV? Due brevetti ce lo spiegano

Apple AR: come funzionerà con film e serie TV? Due brevetti ce lo spiegano
di

Gli headset VR e AR di Apple sono stati oggetto, negli ultimi giorni, di una serie di interessanti brevetti da parte della casa di Cupertino: per esempio, la scorsa settimana Apple ha brevettato un sistema di luci realistiche per i suoi device AR, mentre Apple Glass potrebbe avere un sistema anti-nausea, anch'esso appena depositato allo USPTO.

Poco prima del Ringraziamento, stando a quanto riporta Patently Apple, l'azienda avrebbe depositato altri due brevetti presso lo USPTO (United States Patent & Trademark Office), sempre legati al mondo VR e AR. Il primo sarebbe relativo ad un'interfaccia in AR controllabile tramite i gesti dell'utente, mentre il secondo riguarda l'implementazione della realtà aumentata in Apple TV e Apple TV+.

Il primo brevetto, pubblicato dallo USPTO il 25 novembre e visibile nell'immagine in calce, mostra un'interfaccia in realtà aumentata controllabile tramite appositi gesti, effettuati in aria e con le mani, che permetterebbero, per esempio, di fermare la riproduzione di un film su un device fisico o in realtà aumentata, oppure di aumentare il volume o di tornare alla scena precedente.

Secondo il brevetto, la tecnologia potrebbe essere utilizzata in due modi diversi: anzitutto essa potrebbe essere una sorta di "telecomando" in AR per altri dispositivi fisici, permettendo per esempio di accendere la propria Apple TV senza dover ricorrere allo smartphone o al telecomando. L'esempio fatto da Apple nel brevetto è quello di un utente che decide di alzare o abbassare il volume della propria televisione utilizzando Apple Glass, senza ricorrere al telecomando.

In secondo luogo, invece, l'interfaccia permetterebbe di agire su oggetti in AR direttamente con degli input gestuali: per esempio, in una simulazione virtuale come un videogioco o un'app l'utente avrebbe la possibilità di utilizzare il menu gestuale per accendere e spegnere le luci, oppure per controllare la riproduzione di un film, o ancora per accedere a dei menu di gioco, il tutto senza utilizzare un controller o un altro device fisico.

Il secondo brevetto, invece, introduce l'integrazione tra Apple TV e l'headset VR, teorizzando delle proiezioni olografiche di film, serie TV e altri contenuti direttamente sul visore. All'atto pratico, il sistema permette di proiettare oggetti virtuali su superfici fisiche, sovrapponendo i primi sulle seconde, in modo da non vedere più queste ultime.

In alcuni casi, questa tecnologia dovrebbe combinarsi con quelle già brevettate riguardo al sistema di input tattile Thermal Touch, che potrebbe rivelarsi particolarmente interessante per il gaming. Per quanto riguarda la fruizione degli altri media, invece, il brevetto dovrebbe garantire una visione immersiva di film e serie TV, oscurando magari l'ambiente circostante (almeno in parte), come se ci si trovasse al cinema. Lo stesso potrebbe valere per i concerti live, trasmessi in streaming al visore AR di Cupertino.

Quanto è interessante?
3
Apple AR: come funzionerà con film e serie TV? Due brevetti ce lo spiegano