Apple brevetta un modo per raccogliere le impronte digitali dei ladri di iPhone

di

Apple negli ultimi tempi ha lavorato duramente per limitare il furto degli iPhone, principalmente attraverso l’applicazione “Trova il mio iPhone” e la crittografia che blocca gli utenti qualora dovessero utilizzare più volte un codice o pronta digitale errata.

Tuttavia, il colosso di Cupertino è al lavoro per potenziare, per quanto possibile, questo aspetto. Secondo quanto riportato da alcuni siti, la Mela avrebbe brevettato un metodo che è in grado di “catturare informazioni biometriche per l’identificazione di utenti non autorizzati”, comprese le impronte digitali video o audio. Queste informazioni possono essere memorizzate o inviate ad un server, non sappiamo se accessibile o meno dalla Polizia, che potrebbe utilizzarle per capire chi ha bloccato o rubato il dispositivo.
Il sistema è piuttosto semplice. Il Touch ID, la fotocamera frontale ed il microfono necessitano semplicemente di essere accesi senza dover fare altro. Il sistema potrebbe acquisire i dati biometrici dopo un unico tentativo fallito con il codice di accesso, o in alternativa potrebbe memorizzarli solo dopo un numero predeterminato di tentativi. Oltre a ciò, questo sistema potrebbe anche trasmettere informazioni forensi come la posizione del GPS.
La tecnologia però potrebbe essere legalmente traballante. Apple, più di ogni altra azienda, è conscia dei lati negativi della memorizzazione dei dati senza avvisare gli utenti.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
0