Apple potrebbe dover pagare 25 dollari a consumatore per gli iPhone "rallentati" in USA

Apple potrebbe dover pagare 25 dollari a consumatore per gli iPhone 'rallentati' in USA
di

Dopo la multa di 25 milioni di euro in Francia, la questione degli iPhone "rallentati", risalente al 2017, rischia di costare ancora più caro ad Apple.

Infatti, stando anche a quanto riportato da 9to5Mac e MSPowerUser, la società di Cupertino sta affrontando il problema anche negli Stati Uniti d'America. Ebbene, secondo alcuni report, Apple potrebbe essere costretta a pagare circa 25 dollari per consumatore, per un totale minimo di circa 310 milioni di dollari e un massimo di circa 500 milioni di dollari. Insomma, sembra che il sistema di power management utilizzato dall'azienda di Tim Cook non sia andato giù alle autorità competenti.

Il provvedimento andrebbe a coinvolgere tutti i possessori statunitensi di smartphone appartenenti alle famiglie di prodotti iPhone 6, iPhone 7 e iPhone SE che hanno installato gli aggiornamenti coinvolti prima del 21 dicembre 2017. Sembra che le versioni del sistema operativo tenute in considerazione siano la 10.2.1 e la 11.2. Per maggiori dettagli, vi rimandiamo al nostro approfondimento sulla questione iPhone "rallentati".

Stando a quanto riportato da Vox, tutto deve ancora essere approvato da un giudice, quindi vi invitiamo a prendere le informazioni riportate in questa notizia con la dovuta cautela. Vi ricordiamo, inoltre, che si sta parlando di utenti statunitensi.

FONTE: 9to5mac
Quanto è interessante?
6
Apple potrebbe dover pagare 25 dollari a consumatore per gli iPhone 'rallentati' in USA