Adesso online
La redazione risponde alle domande della community

Apple: ecco i possibili successori di Tim Cook alla guida della società

di
Si è tenuto nella giornata di ieri l'annuale incontro tra Apple, azionisti ed investitori, nel corso del quale ha parlato anche l'attuale amministratore delegato della compagnia, Tim Cook, il quale durante il suo discorso ha parlato dei compiti che vorrebbe portare a termine in qualità di guida dell'azienda.

Già in passato, l'attuale CEO aveva rivelato che gli sarebbe piaciuto formare quelli che saranno i futuri amministratori delegati di Apple del futuro, in modo tale che la transizione verso la nuova guida vada avanti senza troppi intoppi. Sia chiaro: Tim Cook almeno ad oggi non ha fornito alcuna indicazione su quando lascerà la guida dell'azienda, il che vuol dire che probabilmente almeno nei prossimi anni lo scenario ipotizzato non veda la luce. Tuttavia, Apple non vuole farsi trovare impreparata.

Inutile dire che la stampa specializzata si è già scatenata ed ha ipotizzato rose di possibili nuovi amministratori delegati, dopo che qualche mese fa era emerso il nome di Angela Ahrendts come guida. Indiscrezione bollata immediatamente come "fake news" dalla diretta interessata.

A quanto pare nella rosa dei candidati ci sarebbero Eddy Cue, a capo dei servizi, Phil Schiller, che guida la divisione marketing ed il boss del ramo aziendale hardware, Dan Riccio. Di poco distaccati invece il CFO Luca Maestri, il COO Jeff Williams, la responsabile del settore retail Angela Ahrendts ed il vice presidente della divisione hardware Craig Federighi.

Proprio quest'ultimo nome gode del favore di molti, dal momento che negli ultimi anni è riuscito a guadagnare la fiducia e simpatia non solo dei clienti, ma anche di dipendenti e dirigenti, grazie alle sue straordinarie abilità comunicative e di intrattenitore.

Resta fuori a sorpresa Jonathan Ive, da molti definito il naturale successore di Steve Jobs, con cui ha sempre avuto un legame particolare, e che da tempo è il responsabile del design industriale. Le ragioni sarebbero da ricercare in un rifiuto da parte dello stesso Ive di assumere la carica di amministratore delegato, in quanto preferirebbe continuare a concentrarsi sul design.

Quanto è interessante?
3