Apple: i futuri iPhone e MacBook utilizzeranno materiali riciclati?

di
Apple mira a rendere i propri prodotti quanto più eco-friendly possibili e per fare ciò starebbe pensando di dare una sterzata alle proprie politiche ambientali.

La società, in occasione di alcuni eventi tenuti sul tema, ha più volte sottolineato il basso impatto ambientale dei propri dispositivi, ma a quanto pare avrebbe formato un team di ricerca che dovrà ridurre (dove possibile) l’inquinamento e migliorare il riciclaggio.

Tim Cook e soci hanno ribadito il loro impegno in alcune recenti interviste, lasciando intendere che le intenzioni sono di produrre prodotti popolari come iPhone e MacBook utilizzando materiali riciclati e nuovi materiali come le bioplastiche.

Il vice presidente per le politiche ambientali di Apple, Lisa Jackson, in un’intervista rilasciata per un giornale australiano ha affermato che la compagnia “è impegnata al 100 per cento sull’utilizzo di materiali riciclati per i nostri prodotti, per cui non escludiamo l’utilizzo di materiali rinnovabili. Stiamo lavorando duramente su questo. Per quanto ne so, siamo l’umica azienda del settore che sta cercando di capire la fattibilità di questi progetti”.

Tuttavia, per quanto lodevole, il compito non è certo facile come possa sembrare, soprattutto se si conta la quantità di dispositivi che Apple vende ogni anno.

Di recente, Amnesty International ha lodato Apple per essere il leader nel settore in termini di approvvigionamento di cobalto, un minerale fondamentale per le batterie presenti in molti dei dispositivi utilizzati quotidianamente, tra cui Apple, e di cui una grossa quantità proviene dal Congo, che produce più della metà di tutta la fornitura mondiale. Tuttavia, le condizioni di lavoro sono pericolose, dal momento che il materiale viene estratto a mano ed alcune volte anche dai bambini.

Apple infatti all’inizio dell’anno ha già rivelato che avrebbe smesso di usare il cobalto estratto a mano proveniente dal paese.

FONTE: BGR
Quanto è interessante?
4