Apple fa lobby contro il diritto al "fai da te": "i consumatori rischiano di farsi male"

Apple fa lobby contro il diritto al 'fai da te': 'i consumatori rischiano di farsi male'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Negli Stati Uniti si discute di rendere il "fai da te" un diritto dei consumatori, il che implicherebbe che riparare autonomamente (o in centri terzi) i propri device tech non comporterebbe la perdita della garanzia. Apple sta cercando di impedirlo, e ai politici dice: "c'è il rischio che la gente si faccia male tentando di riparare gli iPhone".

Motherboard ha raccontato che alcuni rappresentanti di Apple e un lobbista della CompTIA —una organizzazione che rappresenta molte aziende tech a Washington DC— si sono incontrati con diversi legislatori della California, Stato dove era stata presentata una proposta di legge per rendere il DIY (do it yourself) un diritto.

La proposta è stata ritirata lo scorso 30 Aprile, dopo che la prima-firmataria, Susan Talamantes-Eggman ha deciso che non era ancora arrivato il momento, sostenendo che la proposta non avrebbe trovato il consenso dei suoi colleghi.

I rappresentanti dell'azienda di Cupertino hanno mostrato ai legislatori come è fatto l'interno di un iPhone, e quali sono i componenti interni interessati dalle principali operazioni di riparazione fai da te. Secondo Motherboard Apple avrebbe sostenuto la tesi che tentare di riparare un iPhone comporterebbe dei forti rischi per i consumatori, specie se durante la procedura viene danneggiata la batteria.

Nel frattempo iFixit ha distrutto le nuove cuffie AirPods 2 perché "impossibili da riparare", e Motorola è diventato il primo produttore ad offrire kit ufficiali per le riparazioni DIY.

Quanto è interessante?
5