Apple: multa da 1,8 miliardi di Euro in UE per posizione dominante nel mercato musicale

Apple: multa da 1,8 miliardi di Euro in UE per posizione dominante nel mercato musicale
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Stangata per Apple nell’Unione Europea. La Commissione ha annunciato di aver multato il colosso di Cupertino per 1,84 miliardo di Euro per aver violato le norme dell’antitrust relative al mercato dei servizi di streaming musicali sul proprio ecosistema iOS.

Nel comunicato stampa della Commissione Europea si legge che Apple ha “abusato della sua posizione dominante sul mercato della distribuzione di app di streaming musicale agli utenti iPhone e iPad attraverso il suo App Store”.

In particolare, la Commissione evidenzia che le indagini effettuate hanno riscontrato che “Apple applicava restrizioni agli sviluppatori di app impedendo loro di informare gli utenti iOS sui servizi di abbonamento musicale alternativi e più economici disponibili al di fuori dell'app ("disposizioni anti-direttive”)”, il che di fatto avrebbe impedito di effettuare una scelta libera. Ciò è illegale nel Vecchio Continente.

Tale comportamento, spiega la Commissione, sarebbe durato quasi dieci anni e potrebbe aver portato molti utenti iOS a pagare prezzi significativamente più alti per gli abbonamenti a servizi di streaming musicali a causa delle elevate commissioni imposte da Apple agli sviluppatori e trasferite ai consumatori sotto forma di abbonamenti più costosi. Ma non è tutto, perchè queste misure secondo Apple “hanno comportato un danno non monetario ma sotto forma di un'esperienza utente degradata: gli utenti iOS hanno dovuto impegnarsi in una ricerca complicata prima di trovare offerte pertinenti al di fuori dell'app, oppure non si sono mai abbonati a nessuna servizio perché non hanno trovato quello giusto da soli”.

La vicenda fonda le sue radici nello scontro tra Apple e Spotify che va avanti da marzo 2019, quando il servizio di streaming nordeuropeo ha denunciato la società americana per le regole di App Store.

FONTE: techcrunch

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi