Apple ha pagato a Nokia 1,7 miliardi di euro per evitare un contenzioso legale

di

Lo scorso maggio Apple e Nokia si erano accordati per dare la parola fine ad un vero e proprio scontro tra titani. Nokia aveva accusato la compagnia di Cupertino di aver violato circa una quarantina di brevetti. Una bella gatta da pelare che Apple ha voluto comprensibilmente evitare pagando la bellezza di 1,7 miliardi di euro.

I brevetti in questione, stando a Nokia, riguardavano user interface, display, software, antenna, chipset e video coding. Apple poteva scegliere di andare alla carica, moschetto in spalla, contro il colosso rivale –andandosi di fatto ad impantanare in quella che si preannunciava una causa lunga e dolorosa–, o di optare per un accordo extragiudiziale, cosa molto più comune nella prassi del sistema legale statunitense (specie nel campo delle proprietà industriali). Ha scelto quest'ultima strada e ora sappiamo quanto ha dovuto sborsare: 1.7 miliardi di euro per una licenza pluriennale che autorizza Cupertino ad usare i brevetti in questione.

L'accordo non si ferma solo al dato economico più immediato –l'esborso di denaro– ma prevede anche una serie di scambi a reciproco beneficio delle due compagnie: Nokia fornirà ad Apple anche una serie di servizi ed infrastrutture al momento non precisati, mentre Apple si impegna a rendere disponibili nei propri store una gamma di device di Nokia relativi alla salute e al benessere.

"Abbiamo ricevuto un pagamento sostanzioso di 1.7 miliardi di euro da Apple, il che rafforza ulteriormente la nostra liquidità economica. Come già annunciato, il nostro piano è quello di fornire ulteriori dettagli su come intendiamo usare questa liquidità nel corso del terzo quadrimestre finanziario", si legge nella trascrizione ufficiale della conference call tenuta da Nokia con i propri investitori.

Al momento non conosciamo ancora i dettagli di come avverrà il pagamento. In particolare si ignora se avverrà in più tranche (probabile) e, quindi, in quante e su un periodo di quanti mesi o anni.

Quanto è interessante?
6