INFORMAZIONI SCHEDA
di

Dopo un breve excursus su Apple Pay, che è diventato uno dei servizi di pagamento più importanti ed utilizzati al mondo, Tim Cook ha annunciato un'altra novità durante la conferenza di questa sera, che segue News+: si chiama Apple Card ed è a tutti gli effetti una carta di credito progettata per iPhone.

Per attivare una Apple Card, che sarà accettata a livello mondiale dove è attivo Apple Pay, basta aprire l'applicazione Wallet. Apple basa tutto sulla velocità d'utilizzo ed attivazione, che avviene in maniera più rapida rispetto ai servizi tradizionali.

Apple ha a più riprese sottolineato che Apple Card fornisce un'esperienza pari a quella delle carte di credito, con un'app più semplice, zero commissioni e con tassi d'interesse più bassi.

Interessante anche il servizio d'assistenza, integrato direttamente in iMessage e che consente di chattare con il customer care direttamente come con un amico. Apple si è soffermata anche sulla chiarezza delle informazioni. L'applicazione mostre tutte le operazioni in maniera chiara ed immediata: sarà rapidamente facile capire dove sono stati effettuati gli acquisti. Tutte le transazioni saranno facilmente riconoscibili anche grazie ad Apple Maps.

Apple Card organizza automaticamente gli acquisti, in modo tale da permettere agli utenti di capire per quali categorie di prodotti hanno speso più soldi, ed a fine settimana fornisce anche dei resoconti.

In Apple Card è anche incluso un sistema di ricompense battezzato Daily Cash: per ogni transazione effettuata si otterranno dei soldi da spendere nei negozi, per saldare un debito, inviare agli amici o utilizzare nelle applicazioni o nei siti web. Questi verranno aggiunti al saldo di Apple Pay.

Per gli acquisti diretti da Apple è previsto un 3% di Daily Cash, mentre per le transazioni effettuate con Apple Pay la percentuale è del 2%.

Apple ha collaborato con Goldman Sachs e MasterCard su questa nuova piattaforma, che non richiede alcun costo extra e si focalizza interamente sulla privacy.

La carta di credito fisica non ha alcun numero, nessun codice CVV, nessuna data di scadenza e nessuna firma.

Il lancio è previsto in estate. Nessuna informazione su una possibile disponibilità in Italia.

Quanto è interessante?
5