Apple rinvia il lancio della tecnologia CSAM per scansionare le foto di iCloud

Apple rinvia il lancio della tecnologia CSAM per scansionare le foto di iCloud
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il sistema di scansione delle foto di iCloud pensato da Apple per proteggere i bambini vedrà un rinvio nel lancio definitivo. L’annuncio è giunto direttamente dal colosso di Cupertino, il quale ha spiegato che “impiegherà più tempo” per perfezionare tale funzionalità alla luce del feedback negativo ricevuto nelle ultime settimane.

La tecnologia CSAM (Child Sexual Abuse Material) svelata dall’azienda di Tim Cook e dal lancio previsto con gli aggiornamenti di iOS 15, iPadOS 15 e macOS Monterey entro la fine del 2021, infatti, aveva causato non poche polemiche in merito alla tutela della privacy degli utenti. Del resto, il sistema prevede l’esecuzione di un processo di corrispondenza tra le immagini che devono essere archiviate in iCloud e un database di immagini CSAM forniti da varie organizzazioni che operano per la sicurezza dei bambini.

Senza scendere in dettagli eccessivamente tecnici, ciò che risulta evidente è l’intento lodevole da parte della Mela, la quale però è comunque nell’occhio del ciclone delle critiche da parte dei sostenitori della privacy. Nonostante i tentativi di Apple di rasserenarli, ora l’azienda si è vista costretta a posticipare il lancio per applicare una serie di modifiche non note.

Ai colleghi di 9to5Mac, Apple ha dichiarato quanto segue: “Il mese scorso abbiamo annunciato piani per funzionalità intese a proteggere i bambini dalle persone che utilizzano strumenti di comunicazione per reclutarli e sfruttarli e limitare la diffusione di materiale pedopornografico. Sulla base del feedback di clienti, gruppi di difesa, ricercatori e altri, abbiamo deciso di dedicare più tempo nei prossimi mesi per raccogliere input e apportare miglioramenti prima di rilasciare queste funzionalità di sicurezza dei bambini di fondamentale importanza”.

Nel frattempo, a Cupertino si lavora anche sul visore per la realtà aumentata che, a quanto pare, avrà bisogno dell’iPhone per funzionare.

FONTE: 9to5Mac
Quanto è interessante?
5