Apple Silicon M1, scoperto il primo malware nativo per Mac con il nuovo chip

Apple Silicon M1, scoperto il primo malware nativo per Mac con il nuovo chip
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il primo SoC proprietario per Mac Apple Silicon M1 ha già raccolto lodi su lodi da parte degli esperti per le sue prestazioni e per la sua sicurezza. Un ricercatore indipendente ha però scoperto, recentemente, il primo malware in assoluto programmato appositamente per tutti i computer della Mela con tale chip.

L’esperto in questione è Patrick Wardle, ex ricercatore di cybersicurezza della NSA che ha scoperto il malware GoSearch22.app dal funzionamento piuttosto semplice, in quanto si occupa solamente di visualizzare gli annunci nel dispositivo e raccogliere dati dal browser utilizzato dall’utente.

Wardle ha dichiarato: “'L’applicazione dannosa GoSearch22 potrebbe essere il primo esempio di codice compatibile con M1 nativamente. La creazione di tali applicazioni è notevole per due ragioni principali: innanzitutto, e non sorprende, questo dimostra che il codice dannoso continua a evolversi in risposta diretta alle modifiche sia hardware che software provenienti da Cupertino. Inoltre, gli antivirus utilizzati per rilevare malware sui Mac basati su Intel di Apple non sono riusciti a rilevare GoSearch22.app sui modelli M1. […] Quello che non si sa è se Apple abbia autenticato il codice. Non possiamo rispondere a questa domanda, perché Apple ha revocato il certificato”.

Al momento non è chiaro quanti utenti siano stati colpiti dal malware in questione, dato che nessuno a oggi ha segnalato problemi specifici che riguardano annunci insoliti visualizzati sui loro Mac Apple Silicon.

Intanto a Cupertino si starebbe già pensando al futuro dei chip proprietari marchiati Mela: online sono infatti apparsi i primi benchmark del chipset “M1X” con CPU a 12 core e GPU a 16 core, per frequenza di clock a 3,2 GHz.

Quanto è interessante?
3