Apple: "Troppe ore di lavoro per i tirocinanti nelle fabbriche della Foxconn"

di
Apple e Foxconn hanno ammesso la presenza in fabbrica di diversi tirocinanti che hanno fatto gli straordinari per assemblare l’iPhone X. Entrambe le aziende confermano che saranno presto presi dei provvedimenti correttivi.

A seguito di un indagine interna condotta dalla stessa Apple, è stata scoperta la presenza di giovani studenti tirocinanti, che hanno lavorato oltre il limite di ore stabilito, all’interno degli stabilimenti Foxconn. Un portavoce di Apple ha riferito che: "gli studenti hanno lavorato oltre il limite di ore previsto volontariamente, ma chi di dovere non avrebbe dovuto permettere loro di fare gli straordinari».

Anche Foxconn ha affermato che: “il lavoro era volontario ed è stato compensato in modo appropriato. I tirocinanti hanno però fatto gli straordinari, in violazione alle nostre politiche interne“. Le norme imposte da Apple e accettate da Foxconn prevedono che i tirocinanti non possano lavorare più di 40 ore a settimana. Durante le fasi avanzate di assemblaggio dell’iPhone X, alcuni studenti hanno ammesso di aver lavorato anche 11 ore al giorno.

Apple ha promesso provvedimenti e altre azioni per evitare che questa situazione si ripeta in futuro.