Arriva la batteria che funziona con due gocce d'acqua: è davvero possibile?

Arriva la batteria che funziona con due gocce d'acqua: è davvero possibile?
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Sembra assurdo, ma arriva la batteria ad acqua, economica e biodegradabile che si attiva bagnandola con della semplice acqua. Vediamo la nuova scoperta dell'EMPA.

Dopo aver visto la batteria fatta di sabbia, un team di ricercatori dello Swiss Federal Laboratories for Materials Science and Technology (EMPA), ha condotto una ricerca su un prototipo di batteria realizzata con la carta e che si attiva con sole due gocce di acqua.

Il team è partito da un pezzettino di carta immerso in acqua salata e poi lasciato asciugare. Da qui, è stato realizzato il polo positivo o catodo ed il polo negativo o anodo. In entrambi i lati è stato utilizzato l'inchiostro con grafite.

L'attivazione avviene bagnando la batteria anche solo con due gocce di acqua, successivamente, il cloruro di sodio, si scioglierà rilasciando ioni carichi che faranno passare gli elettroni dall'anodo al catodo, dando energia al dispositivo e facendolo attivare.

Si tratta di un progetto molto importante, considerando che in Europa la maggior parte delle batterie non viene neanche riciclata. Infatti, uno dei vantaggi principali della nuova batteria è la sua biodegradabilità. Gli studiosi affermano che potrebbero essere utilizzati in apparecchi elettronici monouso quali ad esempio dispositivi medici diagnostici.

Tuttavia, nonostante anche i precedenti di IBM con la batteria che usa l'acqua di mare, non è ancora tutto rose e fiori per la diffusione di tali tecnologie. La batteria presenta due limiti fondamentali, ovvero la bassa densità energetica e il fatto che quando l'acqua si asciuga, la batteria smette di funzionare. Nonostante ciò, i ricercatori sono fiduciosi. Non ci resta quindi che attendere nuovi sviluppi.

FONTE: nature
Quanto è interessante?
8