Un astronauta ha perso uno specchio durante una passeggiata spaziale

Un astronauta ha perso uno specchio durante una passeggiata spaziale
di

Lo Spazio può creare parecchi "inconvenienti" che spesso nemmeno gli astronauti si aspettano, come, ad esempio, la perdita di uno specchio mentre si è al di fuori dell'ISS.

In particolare, stando anche a quanto riportato da CNET, il comandante Chris Cassidy, che sicuramente i più attenti tra di voi ricorderanno nelle vesti di colui che ha suonato la campana di apertura del NASDAQ dall'ISS qualche settimana fa, ha perso uno specchio mentre stava svolgendo un'attività extraveicolare, ovvero quella che in Italia siamo soliti chiamare "passeggiata spaziale".

Più precisamente, Cassidy, che recentemente ha anche accolto gli astronauti Robert L. Behnken e Douglas G. Hurley sulla Stazione Spaziale Internazionale in seguito al loro arrivo a bordo della capsula Crew Dragon di SpaceX, stava prendendo parte a una delle attività previste per sostituire le ormai obsolete batterie al nichel idrogeno utilizzate dall'ISS con altre a ioni di litio.

La "passeggiata spaziale" è durata poco più di 6 ore e alla fine Cassidy e l'altro astronauta che ha preso parte all'attività extraveicolare, ovvero Behnken, sono riusciti a portare a termine il loro obiettivo (anche se il 1 luglio 2020 è prevista un'altra "passeggiata spaziale", che prevede la sostituzione di ulteriori batterie).

Tornando alla questione dello specchio, stiamo parlando di un oggetto dalle dimensioni di 7 x 12 cm, per un peso di 50 grammi. Si tratta di un oggetto che viene "fissato" al polso degli astronauti, in modo che questi ultimi riescano a vedere eventuali "punti ciechi", nonché i componenti elettrici della tuta spaziale. Lo specchio di Cassidy è finito in mille pezzi, che si sono "persi nello Spazio", mentre l'astronauta stava sostituendo un pacco batteria dal peso di 194 chilogrammi. Per fortuna, nonostante l'inconveniente, tutto è filato liscio.

FONTE: CNET
Quanto è interessante?
3
Un astronauta ha perso uno specchio durante una passeggiata spaziale